• Home / CITTA / Cosenza / Cosenza: torna il mercato nell’area dell’Arenella

    Cosenza: torna il mercato nell’area dell’Arenella

    Finalmente, l’area dell’Arenella torna a vivere e ritorna al suo antico ruolo socio-economico, quello di area mercatale aperta quotidianamente per dare un servizio ai residenti e creare valore economico per tanti piccoli contadini e coltivatori diretti delle aree limitrofe.

     

    “Si tratta di una battaglia in cui ho sempre creduto – sottolinea Annalisa Apicella, consigliera comunale di Cosenza – perché ridare vita a quella zona della città significa riportarla ad una parziale normalità e, al contempo, ad una nuova centralità. Visto che come sempre accade dove c’è un piccolo mercato rionale poi arrivano persone anche dalle altre zone della città, animando non solo un quartiere, ma tutta una parte di centro storico. Centro Storico che per ricominciare ad “essere”, deve vivere soprattutto di giorno. L’opzione di riportare la Cosenza Antica, come mi piace chiamarla, ad una dimensione sociale ed economica differente da quella attuale è l’unica strada percorribile. Adesso, il prossimo passo che spero di poter portare avanti nel futuro consiglio comunale è quello di ridare a quel luogo anche una dimensione socio culturale, che animi e dia forza a quello spazio quando il sole sta per tramontare e durante tutta la sera.”

     

    “I luoghi simbolo di una città non possono vivere solo poche ore al giorni, hanno la necessità di vivere H24 per dare alla città una nuova dimensione. – continua Apicella – L’Arenella è conosciuta da tutti i cosentini, riconosciuta come un simbolo del centro storico. Ecco, proprio perché è un simbolo delle nostre radici sta a noi trasformarla da “vecchia piazza” in piazza antica e innovativa. Anche dall’Arenella passa la trasformazione culturale di “Cosenza Vecchia” in Cosenza Antica, da area abbandonata della città a luogo dell’identità e della memoria storica. I prossimi 5 anni saranno cruciali per trasformare parte delle risorse del PNRR nel centro storico che tutti abbiamo nel cuore e che quotidianamente sentiamo quasi il bisogno viscerale di vivere e frequentare. Dopo aver riacceso le luci all’Arenella con il mercato rionale, abbiamo davanti la responsabilità di riaccendere tutti i ruoli chiave del nostro centro storico, per creare un percorso identitario che da piazzetta Santa Lucia porti al Castello, senza dimenticare nessuno, senza ignorare i luoghi e soprattutto chi li abita.”