• Home / CITTA / Cosenza / Metro Cosenza-Rende, Ferrara (M5S) alla Commissione europea: “Qual è il destino dei fondi?”

    Metro Cosenza-Rende, Ferrara (M5S) alla Commissione europea: “Qual è il destino dei fondi?”

    «Ancora oggi non si hanno notizie  ufficiali circa la scelta di proseguire l’iter progettuale o l’opzione di realizzare piani alternativi alla Metrotranvia Cosenza – Rende». L’eurodeputata Laura Ferrara ritorna sul  Sistema di collegamento metropolitano tra Cosenza, Rende e l’Università della Calabria chiedendo informazioni alla Commissione europea.
    «Lo scorso maggio davo notizia, in seguita alla risposta della Commissione europea alla mia ennesima interrogazione circa i ritardi sul progetto della cosiddetta metro leggera, della volontà dell’autorità di gestione del Por Calabria di ritirare il grande progetto metrotranvia Cosenza-Rende-Università della Calabria. Volontà comunicata dalla stessa AdG alla Commissione europea ma non definitiva».
    «Ancora oggi – continua Ferrara –  non siamo a conoscenza del destino della dote finanziaria, circa 160 milioni di euro,  messa a disposizione per la realizzazione del progetto stesso.
    Ho lanciato diversi appelli alla Regione Calabria affinché questi fondi venissero dirottati all’acquisto di mezzi di collegamento alternativi e sostenibili, come i bus elettrici i quali servirebbero benissimo il tracciato previsto dal centro cittadino di Cosenza fino all’Università della Calabria. Inoltre vi è la possibilità di spostare le risorse dei Fondi strutturali, quindi anche le somme non spese per la metro, destinandole a tre priorità fondamentali per far fronte all’attuale emergenza e alle relative ripercussioni economiche: la spesa sanitaria, il sostegno ai regimi di riduzione dell’orario lavorativo e il sostegno al capitale circolante delle piccole e medie imprese. Il rischio che si corre è quello di perdere il finanziamento».
    «Ci aspettavamo risposte più tempestive da parte della Regione e invece l’iter amministrativo e progettuale pare essere quello di sempre: immobile ed immutevole» conclude l’europarlamentare.