• Home / CITTA / Cosenza / Premio Alveare 2020, l’evento ideato da Confapi Calabria

    Premio Alveare 2020, l’evento ideato da Confapi Calabria

    Si terrà domani, a Villa Rendano alle ore 18, la V Edizione del Premio “Alveare”, organizzato da Confapi Calabria, un’occasione per esaltare la qualità, l’efficienza e la professionalità delle imprese, dei talenti e delle Start Up, con un occhio di riguardo anche a chi si spende a favore della legalità in Calabria.

    L’evento, nella splendida location nel cuore di Cosenza coincide con i quaranta anni di un’associazione di categoria attenta da sempre agli interessi della piccola e media industria.

    Durante la serata, come tutti gli anni, verranno consegnati premi e targhe a chi si è distinto per innovazione, professionalità, competenza ed impegno nei vari ambiti produttivi e culturali.

    La vera novità della V Edizione del Premio Alveareè l’attenzione di Confapi Calabria al settore dell’ecosostenibilità con un premio dedicato: “Italia in classe energetica A”Un importante riconoscimento nato dalla collaborazione tra Confapi e L’ENEA, responsabili del progetto:Calabria in Classe A.

    Il Premio Alveare, sempre a Villa Rendano, sarà preceduto da un workshop, alla presenza delprof.Federico Carli, docente di Global economics challengers alla Luis di Roma, nipote di Guido Carli, noto economista e politico, direttore IRI, governatore della Banca d’Italia, ministro del Tesoro.

    Sarà proprio con il prof. Carli, il primo seminario correlato al premio Alveare, in cui dieci stakeholder che si occupano di vari ambiti (ricerca, lavoro, impresa, cultura) dialogheranno tra di loro sulle potenzialità e gli sviluppi del Mezzogiorno d’Italia.

    “Adesso tocca a noi, è la nostra occasione da sfruttare per tutto il Paese, a cominciare dal Sud- dice Francesco Napoli– Presidente di Confapi Calabria e Vicepresidente nazionale di Confapi. Si deve essere consapevoli che lo sviluppo del mezzogiorno passa per gli investimenti: la questione centrale è lo sblocco degli investimenti pubblici ed il sostegno di quelli privati. Con questo primo appuntamento– conclude Napoli- ci poniamo un più grande obiettivo, ovvero stabilire un workshop permanete con l’associazione Guido Carli.”