• Home / CITTA / Cosenza / Cosenza, riprende al settore Welfare l’attività dello sportello informativo per gli immigrati

    Cosenza, riprende al settore Welfare l’attività dello sportello informativo per gli immigrati

    Riprende in presenza l’attività dello sportello informativo gestito dalla Cooperativa Sociale Promidea presso il Settore Welfare del Comune di Cosenza, nell’ambito del progetto FAMI IMPACT “Calabria Accoglie 2.0”.

    Il progetto, promosso dalla Regione Calabria, in partenariato con alcuni istituti scolastici e soggetti del Terzo settore, e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali a valere sulle risorse del F.A.M.I. (il Fondo asilo, migrazione e integrazione 2014/2020) ha l’obiettivo di consolidare piani di intervento regionali in materia di integrazione dei cittadini di Paesi Terzi, per supportare, agevolare e favorire la loro integrazione sociale ed economica e rimuovere gli ostacoli che ne possano impedire la realizzazione.
    Il personale che opera all’interno dello Sportello si occupa della presa in carico dell’utenza straniera extracomunitaria offrendo servizi di informazione, orientamento civico, assistenza socio sanitaria e legale, mediazione linguistico culturale, orientamento al lavoro e sostegno all’occupabilità e, inoltre, servizi per l’autonomia alloggiativa, attività di partecipazione e socializzazione, altri servizi di supporto/complementari ( trasporto, babysitting, ecc.).

    Lo sportello è aperto al pubblico presso il Settore Welfare del Comune di Cosenza in Via degli Stadi, il martedì, dalle 9,00 alle 13,00, e il giovedì, dalle 16,00 alle 18,00.

    Soddisfazione è stata espressa dall’Assessore al welfare Alessandra De Rosa. “Con la riapertura in presenza dello Sportello – sottolinea l’Assessore – diamo continuità ad un importante servizio di integrazione e accoglienza, di grande utilità per i fruitori extracomunitari. Lo sportello del settore welfare – ha detto ancora Alessandra De Rosa – rappresenta un supporto significativo per tutti quei servizi che vengono forniti agli extracomunitari, di prima e seconda accoglienza, ai fini di una migliore integrazione nel tessuto cittadino”.