• Home / CITTA / Cosenza / Prelievo multiorgano all’Annunziata di Cosenza: donati e trapiantati fegato, cuore e reni

    Prelievo multiorgano all’Annunziata di Cosenza: donati e trapiantati fegato, cuore e reni

    Nei giorni scorsi è stato effettuato all’Ospedale dell’Annunziata un prelievo multiorgano,da donatrice cadavere di 54 anni, deceduta in seguito ad una emorragia cerebrale ericoverata nella UOC di Terapia Intensiva del nosocomio bruzio.

    Gli organi: fegato, cuore,reni, e cornee sono stati prelevati da quattro distinte equipe chirurgiche. Il fegato e il cuore sono stati successivamente trapiantati nelPoliclinico Umberto I di Roma e nel Policlinico Universitario A.O. di Siena.

    I reni, il cui prelievo è stato eseguito dall’equipe chirurgicaguidata dal dr. Sebastiano Vaccarisi, responsabile dell’UOSD Epatobiliopacreatica e Trapianti,sono stati donati rispettivamente, uno a Padova, dove vi era un’emergenza nazionale e l’altro all’ Annunziata di  Cosenza.

    Le cornee, prelevate dal responsabile della Banca Occhi dell’Annunziata, dr Giuseppe Calabrò, sono state processate e conservate nella Banca stessa, in attesa di essere distribuite per trapianto corneale.

    La complessa operazione del Prelievo multiorgano, coordinata nell’Ospedale cosentino dalla dr.ssa Maria Vigna, in sinergia con il Centro Regionale Trapianti,è stata resa possibile grazie alla  generosità e sensibilità dei parenti della donna, “che  – racconta la dr.ssa Vigna – hanno manifestato in autonomia la volontà di donare gli organi della congiunta”

    “Purtroppo non è sempre così – racconta la Coordinatrice ospedaliera per l’ attività di Donazione e Trapianti dell’Annunziata , che ha il delicato compito di comunicare e mantenere i rapporti con la famigliadel potenziale donatore  –Nel 2020,ad oggi, su 12  accertamenti di morte, con criteri neurologici, solo 4 famiglie sono state favorevoli alla donazione degli organi.”

    “Anche nei due anni precedenti – dichiara la dr.ssa Vigna – abbiamo assistito al 60% di opposizioni da parte dei parenti. E’ una questione culturale e di non conoscenza. Diverso è il caso in cui i pazienti hanno manifestato in vita la volontà di donare gli organi. Ecco perché è necessaria una capillare attività di

    sensibilizzazione che noi portiamo avanti soprattutto tra le nuove generazioni, a scuola e nei contesti frequentati dai giovani.  Quest’anno, la pandemiaCovid ci ha penalizzato e rallentato nella nostra attività d’informazione e formazione.”