• Home / CITTA / Cosenza / Confagricoltura Cosenza dona termoscanner e mascherine per il controllo della pandemia

    Confagricoltura Cosenza dona termoscanner e mascherine per il controllo della pandemia

    La crisi sanitaria e sociale dovuta al diffondersi della pandemia ci ha insegnato che, in alcuni contesti, siamo tutti uguali e bisognosi l’uno dell’altro. Abbiamo compreso che la ricerca del bene comune non può prescindere da una responsabilità etica di solidarietà e mutualità.

    Se medici e infermieri sono stati i primi a dover fronteggiare l’emergenza, anche i cittadini possono dare il proprio contributo e così Confagricoltura Cosenza- Unione Provinciale Agricoltori,non nuova ad iniziative di carattere solidale, in questo momento così delicato ha unito le forze perraccogliere una somma da destinareall’acquisto di dispositivi medici da donare a strutture sanitarie in prima linea nella salvaguardia della salute dei cittadini.

    Un gesto, sentito e voluto dai soci dell’organizzazione di rappresentanza e tutela dell’impresa agricola cosentina, che ha portato al confezionamento di sette pacchi contenenti termometri a infrarossi per la misurazione corporea e mascherine chirurgiche a titolo di controllo e prevenzione del contagio da coronavirus.

    I pacchi sono stati consegnati dal presidente Paola Granata al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria di Cosenza, al Centro trasfusionale del reparto di Ematologia, ai reparti di Oncologia, Cardiologia e Psichiatria del presidio ospedaliero “S.S. Annunziata”, all’AVIS comunale di viale Trieste e al dipartimento di Medicina del Lavoro.

    L’iniziativa di solidarietà di Confagricoltura Cosenza fa seguito ad un altro intervento di aiuto e sostegno condiviso con Coldiretti e CIA, quando, in piena emergenza sanitaria, le associazioni di categoria rappresentative del mondo agricolo raccolsero la somma necessaria all’acquisto di una postazione letto per terapia intensiva, donata all’ospedale di Cosenza nel mese di aprile.

    Un gesto di ringraziamento rivolto agli operatori sanitari voluto dai presidenti provinciali Paola Granata (Confagricoltura), Franco Aceto (Coldiretti) e Luca Pignataro (Confederazione Italiana Agricoltori) e apprezzato da tutta lacomunità territoriale.