• Home / CITTA / Cosenza / “Più attenzione agli anziani, quelli che pagano il prezzo più alto”, lettera aperta alla Santelli

    “Più attenzione agli anziani, quelli che pagano il prezzo più alto”, lettera aperta alla Santelli

    Di seguito la lettera aperta di FederAnziani al Presidente della Regione Calabria Jole Santelli, all’Assessore Gianluca Gallo, ai Sindaci della Calabria.

    “Gentile Presidente, Caro Assessore,

    gli Over 65 in Calabria rappresentano quasi il 20% della popolazione con piccoli cambiamenti percentuali tra le province, dovuto allo squilibrio tra i decessi e le natalità.

    Ringraziando il Signore, la maggior parte degli over 65 calabresi sono in buona salute, forse perché la dieta mediterranea, i corretti stili di vita, o forse perché abbiamo l’aria più pulita rispetto ad altri territori, ci tutela e ci fa vivere più a lungo ed in qualità.

    In questo periodo di Pandemia, gli anziani sono quelli che hanno pagato il maggior numero di vittime, e se la Calabria si è salvata, lo dobbiamo a tutti noi calabresi che abbiamo rispettato le regole imposte. Il distanziamento sociale è stato rispettato dalla totalità della popolazione calabrese.

    Gli anziani sono parte importante e determinante del sistema sociale, culturale, economico e politico del nostro Paese, sono persone che votano e determinato i governi, sono un supporto vitale per figli e nipoti, grazie alla propria disponibilità economica, fornendo così un servizio sociale importante, spesso sostituendosi alle istituzioni.

    Sono importanti dal punto di vista culturale, perché tante persone della cosiddetta terza età di alto livello culturale, sociale, professionale, o che provengono dal mondo dell’industria, dell’istruzione, del volontariato, sono impegnati giornalmente nei territori e fanno parte di associazioni, centri di aggregazioni culturali, centri sociali per anziani.

    Anziani impegnati socialmente perché sostituiscono le Amministrazioni Locali quasi nella loro totalità perché creano, animano, fanno vivere i Centri di Aggregazione Culturale per anziani, lo fanno fino allo sfinimento, senza alcuna risorsa economica ma solo, autotassandosi.

    I nonni della Calabria, gli over 65 sono persone che danno amore incondizionato, gentilezza, pazienza, comfort e lezioni di vita, sono quelli che hanno l’argento nei capelli e l’Oro nel cuore.

    Gli anziani sono quelli che hanno subito e subiranno di più tutte le difficoltà future, una categoria duramente provata dall’ emergenza sanitaria, ma completamente assente dai decreti e dalle misure che il governo ha messo in atto per sostenere la società civile.

    Sono loro che dovranno stare più attenti agli incontri, agli spostamenti, al distanziamento sociale, sono loro che subiranno di più la crisi economica in quanto loro non avranno nessun benefit da parte dello stato e/o da parte di nessuno, sono loro che dovranno rinunciare ad una passeggiata ed allo stare insieme.

    Sono loro che pagheranno ancora un prezzo molto alto, rinunciare alla libertà, o anche ad una sola ora all’aria aperta, significa accorciare le ore od i giorni che resteranno da vivere.

    Gentile Presidente, le scriviamo per chiederLe una maggiore attenzione, abbiamo visto come sono state gestite le RSA, luoghi che dovevano essere protetti ed invece dovrà essere la magistratura a capire se ci sono state colpe od incuria nella gestione, comunque vada sono sempre gli anziani ad aver pagato un prezzo molto alto.

    Cara Presidente Jole Santelli ,

    noi la consideriamo come nostra figlia, o nostra nipote, faccia conto che siamo i Suoi Nonni e ci dedichi un po’ più di attenzione, ci aiuti a rendere i nostri luoghi di incontro più idonei e ci aiuti alla sanificazione dei locali ove ci sono, o a crearli dove non esistono, ognuno di noi ha un sogno nel cassetto, il nostro è quello di creare in ogni comune Calabrese un Centro di Aggregazione per Anziani funzionante e con tutti i locali a norma. Auspichiamo che ogni Comune possa realizzare il Parco dei Nonni, un luogo all’aperto dove poter fare attività fisica, ove poter seguire dei percorsi didattici per Senior, confidiamo e crediamo in Lei e nel suo aiuto, al fine di poter riprendere ad incontrarci in sicurezza ed in tranquillità. Le chiediamo per ultimo, ma non ultimo, se lo riterrà opportuno, un incontro presso la Regione Calabria per discutere di tutte le problematiche inerenti la Terza età nella ns Regione.

    Vorremmo avvolgerla con la Sciarpa della Pace, lunga oltre 300 metri diventata il simbolo della Calabria, per farle sentire il nostro calore ed il nostro affetto.

    I Nonni di Calabria da:

    Cosenza, Rende, Aprigliano ,Castrolibero, Redipiano, Mormanno, Cetraro, Tarsia, Guardia Piemontese, Rose, San Basile, Civita, Cassano allo Jonio, Corigliano-Rossano, Cetraro Centro, Cetraro Marina, Parenti, San Basile, San Pietro in Guarano, San Giovanni in Fiore, Torano, Trebisacce, Terranova da Sibari, Cenadi, Badolato, Guardavalle Marina, Isca sullo Ionio, Placanica, Caulonia, Roccella Ionica, Cinquefrondi, Rocca di Neto, Santa Severina, San Mauro Marchesato, San Giovanni in Fiore, Terranova da Sibari, Scalea, Soverato, Villapiana, Cinquefrondi, Stefanaconi, Vibo Valentia, etc.”