• Home / CITTA / Cosenza / Rende (CS) – Il sindaco Manna firma l’ordinanza: riapre l’area mercatale

    Rende (CS) – Il sindaco Manna firma l’ordinanza: riapre l’area mercatale

    Firmata da parte del sindaco di Rende, Marcello Manna, l’ordinanza che aprirà l’area mercatale di via Parigi alle attività ambulanti di vendita di prodotti alimentari nei giorni di giovedì e sabato dalle 7,00 alle 14,30.
    “Una misura che segue le direttive nazionali –ha spiegato il primo cittadino- e che è un primo lento passo verso la graduale riapertura delle attività produttive e commerciali essenziali. Abbiamo recepito la richiesta pervenutaci da parte della CICAS -Confederazione Imprenditori Commercianti Artigiani Turismo Servizi- e di Coldiretti Campagna Amica, sulla scorta di esperienze analoghe da parte di altri comuni, di riaprire alla vendita di prodotti alimentari nell’area che è idonea a garantire l’osservanza di tutte le norme atte al rispetto della distanza sociale, con l’impegno degli operatori all’utilizzo di maschere e guanti e l’accesso contingentato nonché una opportuna vigilanza sul rispetto delle misure sanitarie prescritte”.
    “Stabilito che gli operatori dovranno impegnarsi a garantire, comunicandone preventivamente al comando di Polizia Municipale le modalità, l’ingresso differito della clientela, il rispetto della distanza interpersonale minima di un metro e l’utilizzo di protezioni monouso –ha proseguito Manna- e demandato ai vigili urbani il compito di vigilare sul normale svolgimento dei suddetti mercati nel rispetto delle regole vigenti in questa fase di emergenza sanitaria, già da questo giovedì sarà possibile accedere all’area mercatale per l’acquisto dei prodotti alimentari realizzati dalle filiere dei coltivatori diretti oltre a quelli associati a Campagna Amica. È necessario, ora più che mai, sostenere le reti dei piccoli produttori, l’agricoltura contadina, le comunità locali per mantenere viva l’identità e la tradizione rurale di un territorio che dall’emergenza vuole uscire e vuole continuare a vivere del proprio lavoro”.