• Home / CITTA / Cosenza / Il coronavirus non ferma l’attività dei trapianti dall’ospedale di Cosenza

    Il coronavirus non ferma l’attività dei trapianti dall’ospedale di Cosenza

    Nella Giornata Nazionale per la Donazione e il Trapianto organi, l’ Annunziata di Cosenza dà un contributo concreto: l’ emergenza coronavirus non ferma i trapianti di rene.

    Nei giorni scorsi, l’equipes di chirurgia epatobiliopancreatica – dr.ri Sebastaiano Vaccarisi e Vincenzo Pellegrino – di Nefrologia guidata dalla dr.ssa Teresa Papalia e di Anestesia, diretta dal dr Pino Pasqua, hanno eseguito un trapianto di rene su una giovane paziente, residente in provincia di Cosenza.

    L’organo proveniente da Catanzaro, prelevato da un giovane donatore maschio, classe 1979, è stato trapiantato in tempi record, pur nel rigoroso rispetto delle procedure di sicurezza, imposte dall’emergenza sanitaria COVID-19, che inevitabilmente determinano un allungamento dei tempi di trapianto.

    Alle già prescritte procedure di selezione del paziente ricevente, effettuate dal Centro regionale Trapianti, si sono aggiunte, infatti, anche le ulteriori azioni, obbligatorie, derivanti dall’esigenza, secondo i Protocolli di sicurezza di contenimento della diffusione del coronavirus, di effettuare tutti gli esami volti ad escludere la patologia COVID-19, sia nel donatore che nel trapiantato.

    L’ epidemia in corso – ha spiegato il dr Sebastiano Vaccarisi – ha rivoluzionato l’organizzazione degli ospedali e anche le procedure cliniche dei trapianti che sono interventi che devono essere completati il prima possibile, atteso che un organo prelevato, non può essere conservato a lungo, hanno subito un ulteriore revisione. In questo periodo, quindi, i trapianti diventano ancora di più, una corsa contro il tempo”.