• Home / CALABRIA / Coronavirus, la Farmacia “San Giovanni” di Mirto consegna le medicine a domicilio

    Coronavirus, la Farmacia “San Giovanni” di Mirto consegna le medicine a domicilio

    Considerata la situazione sanitaria di questo periodo, a causa dell’epidemia del coronavirus, si susseguono le iniziative da parte di istituzioni pubbliche e strutture private, allo scopo di venire incontro alle esigenze dei cittadini. Tanti piccoli accorgimenti per evitare il più possibile il propagarsi del contagio. A tale scopo la Farmacia “San Giovanni” di Mirto, situata nel quartiere “sotto ferrovia”, ha ritenuto opportuno offrire un servizio gratuito nei confronti di tutti gli over 65 e verso chi si trova in uno stato di necessità, fra cui, pazienti cronici, oncologici e immunodefedati. A quanti lo richiederanno, infatti, verrà effettuata la consegna delle medicine al proprio domicilio, nel pieno rispetto della corretta distribuzione del farmaco.

    I farmacisti titolari della stessa struttura, vale a dire i dottori Claudia Marchese, Serenella Adami e Massimo Leporace, hanno evidenziato che per usufruire del servizio si potrà contattare la farmacia al numero di telefono 0983/42289

    Anche in questo particolare momento storico per la vita sociale del paese, la farmacia continua a rivestire un ruolo fondamentale. Venire incontro alle esigente delle persone è proprio un aspetto dell’etica e dell’anima sociale della farmacia. Una struttura che si diversifica dalla consueta attività commerciale. In farmacia si trovano professionisti che cercano di supportare i cittadini da un punto di vista sanitario ma anche sociale.  La farmacia “San Giovanni” di Mirto, aperta a giugno 2018, grazie alla professionalità e all’ampia esperienza dei suoi titolari, eroga quotidianamente una serie di servizi, fra cui, l’utilizzo dell’holter pressorio, l’holter cardiaco 24/48 ore, la possibilità di effettuare l’elettrocardiogramma, varie analisi (glicemia, colesterolo, hdl ed ldl, trigliceridi ecc.).. Per di più, servizio Cup gratuito. Inoltre, all’interno della farmacia vi sono collocati strumenti di precisione come la bilancia pesa persone e  il misuratore della pressione arteriosa. La farmacia è il primo presidio sanitario – hanno commentato i dottori Marchese, Adami e Leporace – quindi immediatamente disponibile e accessibile ai cittadini, nel momento in cui riportano disagi di salute o semplicemente per il bisogno di chiarimenti e orientamento.

    Nell’attuale contesto, con la diffusione del coronavirus nei vari paesi del mondo, in maniera semplice, e allo stesso tempo professionale, la farmacia “San Giovanni”, cerca di fare la sua parte, offrendo alla gente del luogo suggerimenti e consigli sul modo di agire e di comportarsi, in base a quanto disposto dalle istituzioni preposte. In primis facendo veicolare il decalogo diffuso dal Ministero della Salute.  La persone – hanno confidato i tre farmacisti – hanno bisogno, anche, di una parola di conforto e di condivisione. D’altra parte, ci troviamo di fronte a un fenomeno nuovo, sconosciuto, che può  produrre inquietudine fra la gente, quindi, il bisogno oggettivo di donare agli individui, non solo i farmaci, ma anche supporto morale, facendo sentire loro la propria vicinanza.