• Home / CITTA / Cosenza / Ai Laghi di Sibari lo stage di regolarità per piloti di auto storiche

    Ai Laghi di Sibari lo stage di regolarità per piloti di auto storiche

    L’Historic Club Castrovillari, in collaborazione con l’Associazione Laghi di Sibari, organizza un evento unico per gli appassionati di regolarità riservata alle auto storiche.

    Domenica 6 Ottobre, nella suggestiva cornice del porto turistico sibarita, il “top driver” della regolarità automobilistica italiana, Giovanni Moceri, terrà un corso teorico-pratico sulle tecniche da adottare per avere successo in questa affascinante disciplina sportiva. Il corso sarà strutturato in due parti: una prima che prevede una seduta di formazione teorica e tecnica, seguita da una seduta pratica con l’ausilio di pressostati e strumenti di cronometraggio. L’iscrizione è limitata a 30 partecipanti previa prenotazione. Tutte le informazioni sono consultabili sul sito dell’Historic Club Castrovillari (www.historicclubcastrovillari.com) oppure sui canali social del Club. «Giovanni Moceri – commenta il presidente dell’Historic Club Castrovillari, Domenico Campilongo – è una persona squisita e sempre disponibile, nonché uno dei migliori regolaristi del panorama italiano. Nel suo palmares vanta vittorie nelle più importanti rievocazioni storiche a bordo di auto diverse: quattro edizioni della Targa Florio, tre della Coppa d’Oro delle Dolomiti, due del Giro di Sicilia e della Coppa Milano – Sanremo, il gran Premio Nuvolari 2018 e soprattutto la Mille Miglia 2019. Per noi è un onore ospitarlo in Calabria e ci auguriamo che questa disciplina agonistica attiri sempre più appassionati nel nostro territorio. Ringrazio inoltre l’Associazione Laghi di Sibari, che ha collaborato attivamente con il nostro Club all’organizzazione dell’evento, mettendo a disposizione location di rara bellezza che lasceranno estasiati tutti i partecipanti». Aggiunge il presidente di AssoLaghi, Luigi Guaragna: «Siamo lieti di ospitare una manifestazione di tale caratura: invitiamo i residenti e gli appassionati a viverla in prima persona, rendendosi protagonisti di quel ritorno alla vita che sta caratterizzando il cammino del nostro centro nautico».