• Home / CITTA / Catanzaro / Interventi negati ai non vaccinati a Catanzaro? Il commissario Ao: “Mai rifiutata assistenza a nessuno”

    Interventi negati ai non vaccinati a Catanzaro? Il commissario Ao: “Mai rifiutata assistenza a nessuno”

    Di seguito la nota del Commissario Stroardinario  dell’Azienda
    Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro in merito alla notizia,
    apparsa ieri sulla stampa, della presunta difficoltà di accesso alle
    prestazioni sanitarie da parte di coloro che non si sono sottoposti, a
    vario titolo, alla vaccinazione contro l’infezione da covid 19.
    cordialmente

    Ho letto con attenzione e stupore l’articolo relativo alla denuncia della senatrice Granato: “All’ospedale Pugliese negati interventi chirurgici ai non vaccinati”.

    Dall’atto del mio insediamento, risalente a circa un anno fa, ho potuto toccare con mano non solo l’indiscussa professionalità degli operatori del Pugliese – Ciaccio ma anche l’altissimo senso civico dimostrato dagli stessi nel corso della pandemia tanto da assurgere a punto di riferimento centrale ed insostituibile all’interno del sistema sanitario calabrese che con tutte le sue criticità ha fornito e sta fornendo risposte importanti ai cittadini di questa regione.

    Nonostante fossi assolutamente convinto della strumentalità delle affermazioni contenute nell’articolo, Il mio ruolo istituzionale mi ha comunque, imposto di verificare quanto sostenuto dalla senatrice Granato al fine di poter ribadire l’assoluta correttezza, sotto il profilo deontologico ed etico, di quanti operano nella più importante realtà assistenziale della città e, probabilmente, della Regione .

    Al Pugliese Ciaccio non è mai stata rifiutata l’assistenza a nessuno e lo dimostrano la sua storia e le decine di ricoveri che quotidianamente vengono effettuati oltre i posti letti disponibili per evitare che malati gravi – senza fare alcuna differenza tra vaccinati e non vaccinati – non trovino le risposte ai loro bisogni di salute – che solo questo grande ospedale può garantire – evitando il trasferimento in strutture meno attrezzate

    Come la senatrice Granato certamente saprà, durante la pandemia il Pugliese Ciaccio – oltre ad assicurare tutta l’assistenza necessaria ai pazienti affetti da COVID19 – ha implementato il numero degli interventi chirurgici per patologie oncologiche complesse limitando i disagi di chi, altrimenti, avrebbe dovuto, per scelta o necessità, recarsi fuori regione.

    Non tutto va per il meglio e i problemi da risolvere sono enormi ma tanti calabresi, pur nella difficoltà del momento, hanno potuto sperimentare che anche in Calabria lavorano eccellenti professionisti e che esiste la possibilità di curarsi nella propria terra.

    La senatrice Granato stia, pertanto, assolutamente serena, l’Ospedale Pugliese Ciaccio continuerà – come ha sempre fatto, ad erogare cure e servizi senza alcuna discriminazione – nel rispetto delle leggi e dei provvedimenti emanati dalle autorità nazionali e regionali – nell’interesse primario di chi soffre.

    Il Commissario Straordinario

    Avv. Francesco Procopio