• Home / CALABRIA / Proroga piano casa, Catalfamo: “Un anno in più per gli interventi”

    Proroga piano casa, Catalfamo: “Un anno in più per gli interventi”

    «La proroga del Piano casa e il mantenimento mutui dei Comuni sono due provvedimenti approvati dal Consiglio regionale, supportati dal settore Edilizia del dipartimento Lavori pubblici, e relativi alle leggi regionali n. 21/2021 e 23/2021. Le modifiche intervengono sulla proroga temporale dell’efficacia del Piano casa e sul mantenimento dell’efficacia dei mutui accesi dai Comuni per la realizzazione di opere pubbliche, i cui termini non sono stati rispettati per via dell’emergenza pandemica».

    È quanto comunica l’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria, Domenica Catalfamo.

    «PROVVEDIMENTI NECESSARI»

    «La mancata formulazione e approvazione di entrambi i provvedimenti – spiega l’assessore – avrebbe configurato l’impossibilità di realizzare interventi sul territorio regionale e, in particolare, il primo con valenza su interventi privati e il secondo su quelli pubblici. In entrambi i casi, l’effetto sarebbe stato fortemente penalizzante per l’economia del nostro territorio, che trova importante respiro anche nelle attività edili. Pertanto, la proroga di un anno del Piano casa consentirà di realizzare interventi privati mirati all’ampliamento degli immobili, prevedendo anche il miglioramento della classe energetica e della risposta sismica, recuperando il patrimonio esistente e limitando l’uso del suolo».

    «Le attività nel campo dell’edilizia e della rigenerazione urbana condotte dalla Regione Calabria nell’ultimo anno – aggiunge Catalfamo – sono state tutte mirate al mantenimento di un equilibrio economico e sociale su tutto il nostro territorio regionale. Questa azione si inserisce, infatti, in quella di più ampio respiro che consentirà di dotare la Regione di strumenti necessari e adeguati per renderla competitiva sull’intero territorio nazionale. Rientrano in queste azioni il recepimento del decreto sblocca cantieri, la rivisitazione del disciplinare dell’edilizia sostenibile e la costituzione dell’Osservatorio sui prezzi, strumento che si è rivelato di ampia efficacia per l’elaborazione di un prezziario aggiornato e competitivo di prossima imminente approvazione».