• Home / CITTA / Catanzaro / Regionali Calabria, Di Natale: “Adesso basta. La Calabria ha bisogno di uno scatto d’orgoglio dei più giovani”

    Regionali Calabria, Di Natale: “Adesso basta. La Calabria ha bisogno di uno scatto d’orgoglio dei più giovani”

    “Avevo annunciato che non sarei stato a guardare e così sarà.
    In questi mesi ho condotto battaglie contro il sistema sanitario
    deficitario, contro i diritti negati, contro una classe politica
    conservatrice delle postazioni di potere.
    Tutte queste lotte non possono restare un vecchio ricordo. Semmai
    rappresentano un punto di partenza per quanti, come me, si sono seccati
    di una politica inconcludente, dove continuano a proporsi come
    alternativa coloro i quali hanno portato la nostra regione ad occupare
    gli ultimi posti in tutte le classifiche.” Lo afferma il
    Segretario-Questore dell’assemblea regionale della Calabria, On.
    Graziano Di Natale, tracciando il momento del centrosinistra calabrese
    in vista delle ormai prossime consultazioni.
    “È arrivato il momento -prosegue il Consigliere nella propria disamina-
    di respirare, e far respirare un fresco profumo di libertà ai Calabresi.
    Libertà da una politica dove tutti attendono le decisioni calate
    dall’alto”.
    Il Vicepresidente della commissione regionale contro la ‘ndrangheta,
    afferma inoltre:
    “Io sogno e credo che le cose possono cambiare.
    La mia elezione al Consiglio regionale è stata frutto del lavoro di
    ragazzi e ragazze che dal basso hanno conquistato la fiducia di tanti
    cittadini.
    Quella fiducia non la tradiremo mai. Per queste ragioni chiamerò a
    raccolta giovani e non che hanno voglia di respirare e far respirare
    quel fresco profumo di libertà che qualcuno ostacola in tutte le
    maniere.
    Serve una nuova strada dal basso -conclude- una rivoluzione di idee e di
    uomini.
    Basta litanie, basta pastrocchi.
    Voglio interpretare il sentimento di quanti non trovano lo spazio
    necessario per affermare che siamo stanchi. È arrivato il momento di non
    subire ma agire. Serve una migliore Calabria”.