• Home / CALABRIA / Gerardo Mancuso è il nuovo vice presidente nazionale della Società Italiana di Medicina Interna

    Gerardo Mancuso è il nuovo vice presidente nazionale della Società Italiana di Medicina Interna

    Il dottor Gerardo Mancuso è il nuovo Vice Presidente Nazionale della Società Italiana di Medicina Interna, la più antica e prestigiosa società scientifica Italiana che conta circa 4000 medici specialisti di Medicina Interna, universitari ed ospedalieri.
    Mancuso è specializzato in Medicina Interna ed è stato allievo del professore Pier Luigi Mattioli alla Cattedra di Medicina Interna della Università di Catanzaro dove ha insegnato Metodologia Clinica e si è occupato di attività cliniche.
    Ha ricoperto molte cariche in società scientifiche di Medicina Interna e Aterosclerosi. E’ Presidente di uno degli eventi formativi più importanti del settore, le Giornate Internistiche Calabresi, quest’anno giunte alla XIX edizione, è autore di oltre 100 pubblicazioni scientifiche.
    Nel 2001 è vincitore di concorso di Direttore della Unità Operativa Complessa di Medicina Interna del Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme dove attualmente presta servizio. L’Unità è stata citata nel 2003 dal Ministero della Salute come Centro di Riferimento per la Cura delle Malattie Reumatiche, nel 2010 dal Ministero della Salute come un reparto di rilievo per la cura dell’Ictus e dal Commissario del Piano di Rientro nel 2017 come migliore Reparto di Medicina della regione e fra i 10 reparti, tra tutte le specialità della rete ospedaliera, per l’impatto clinico e quello economico.
    Nel 2013, Mancuso è stato premiato dal Ministro della Salute Renato Balduzzi per “il coraggio di agire, per l’impegno e le attività messe in campo nella gestione della Azienda sanitaria di Catanzaro”. Nel 2014 ha ricevuto il premio internazionale “Calabresi nel Mondo” per le qualità professionali e le attività professionali mostrate in una terra difficile.
    <<La scienza medica – dichiara Mancuso – ha fatto enormi passi in questo ultimo ventennio, ottenendo il risultato di aver aumentato la vita media delle popolazioni nei paesi industrializzati. Questo risultato è dovuto a migliori cure disponibili, alla tecnologia che ha affinato la diagnostica ma anche ad un modello organizzativo di management delle malattia più appropriato. Tuttavia, la pandemia da SARS-Cov-2 ha fatto emergere incongruenze e difformità che hanno messo in ginocchio anche i sistemi più performanti. Paesi come l’Inghilterra, la Germania ma anche le regioni del Nord Italia, hanno mostrato improvvisamente che il Sistema Sanitario è vulnerabile e necessità di continui adattamenti in relazione ai cambiamenti epidemiologici e di evidenza scientifica.>>