• Home / CITTA / Catanzaro / Barbanti e Piccioni: “Anche a Lamezia un evento sul No al referendum, ma in streaming causa Covid-19”

    Barbanti e Piccioni: “Anche a Lamezia un evento sul No al referendum, ma in streaming causa Covid-19”

    Mancano ormai due settimane alle votazioni che decideranno il futuro del nostro parlamento. In ormai tutte le principali piazze calabresi sono numerosi gli eventi organizzati dal coordinamento regionale per il no al referendum a sostegno della tesi del no.

    Anche a Lamezia Terme vogliamo riaccendere il dibattito politico e ci sentiamo in dovere, anche in quanto componenti del coordinamento regionale, di discutere con i concittadini in merito al quesito referendario, alle sue implicazioni ed alle motivazioni che ci inducono a supportare la tesi del no.

    Avevamo previsto di parlarne, tutti insieme, guardandoci negli occhi, rispettosi dei protocolli anti Covid-19 ovviamente, ma ascoltandoci dal vivo, coinvolgendo tutti coloro avessero voluto dire la loro, ospitati in una delle vie della nostra bellissima città.

    Purtroppo, abbiamo dovuto rivedere l’organizzazione.

    Alla luce degli eventi degli ultimi giorni in merito all’incremento di casi di infezione nella nostra città, sentiamo alta la responsabilità di mantenere comportamenti estremamente prudenti e volti a scongiurare nella misura più totale esposizioni anche eventuali al propagarsi della malattia, nella speranza che i cittadini, tutti assieme, possano tenere alta la guardia e preservare così i nostri cari che appartengono alle fasce più deboli. Per tale motivo abbiamo organizzato il dibattito in modalità webinar, così che sia fatta salva l’informazione e, al contempo, la sicurezza dei partecipanti.

    Il webinar si terrà Giovedì 10 Settembre alle ore 19.00 con diretta streaming sul canale Facebook.com/calabrianoreferendum, e, dopo i saluti introduttivi di Rosario Piccioni e Sebastiano Barbanti, vedrà gli interventi di Luisa Cimino, Daniela Grandinetti, Riccardo Piacente, Giuseppe Pizzonia che esporranno le loro motivazioni a supporto del no.

     

    Sebastiano Barbanti 

    Rosario Piccioni