• Home / CITTA / Catanzaro / Coronavirus – Protciv: +3 positivi in Calabria su 1319 tamponi. +2 su Reggio Calabria e provincia

    Coronavirus – Protciv: +3 positivi in Calabria su 1319 tamponi. +2 su Reggio Calabria e provincia

    In Calabria ad oggi sono stati effettuati 39.780 tamponi.

    Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.122 (+3 rispetto a ieri), quelle negative sono 38.658.

    Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

    – Catanzaro: 45 in reparto; 1 in rianimazione; 60 in isolamento domiciliare; 77 guariti; 33 deceduti.

    – Cosenza: 18 in reparto; 283 in isolamento domiciliare; 129 guariti; 29 deceduti.

    – Reggio Calabria: 17 in reparto; 2 in rianimazione; 127 in isolamento domiciliare; 97 guariti; 16 deceduti.

    – Crotone: 7 in reparto; 33 in isolamento domiciliare; 67 guariti; 6 deceduti. – Vibo Valentia: 51 in isolamento domiciliare; 19 guariti; 5 deceduti.

    Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi.

    Un paziente ricoverato all’Ospedale Pugliese di Catanzaro è di Taranto.

    Si precisa che al Policlinico di Germaneto sono stati ricoverati due pazienti provenienti da altre province.

    Il paziente di Cosenza ricoverato presso altre strutture (AOU Mter Domini) è microbiologicamente guarito ed è stato inserito nella provincia di provenienza (Cosenza).

    Sono compresi 461 tamponi effettuati sulle persone rientrate lo scorso 4 maggio, riferiti alle 850 censite per quel giorno. Sono rislutati tutti negativi.

    Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso.

    I soggetti in quarantena volontaria sono 6.948 così distribuiti:

    – Cosenza: 1410

    – Crotone: 1.916

    – Catanzaro: 1.962

    – Vibo Valentia: 446

    – Reggio Calabria: 1.214.

    Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.