• Home / CITTA / Catanzaro / La Camera di Commercio dona strumenti sanitari agli ospedali di Catanzaro e Lamezia Terme

    La Camera di Commercio dona strumenti sanitari agli ospedali di Catanzaro e Lamezia Terme

    Su impulso del presidente Daniele Rossi, della Giunta e del Consiglio tutto, la Camera di Commercio di Catanzaro ha disposto l’acquisto e la donazione di strumenti sanitari del valore di 15mila euro in favore degli ospedali “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro e “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme.

    Nello specifico, per il presidio ospedaliero di Catanzaro è stato disposto l’acquisto di un emogasanalizzatore Siemens che permette, in trenta secondi, di ottenere una diagnosi su un campione ematico restituendo i valori della quantità di ossigeno e di anidride carbonica presenti nel sangue arterioso e del ph del sangue, un esame fondamentale per valutare l’insorgenza di patologie respiratore come nel caso dell’infezione da coronavirus Sars-Cov-2.

    Per quanto riguarda il presidio lametino, la Camera di Commercio ha predisposto l’acquisto di un carrello per le emergenze completo di defibrillatore, aspiratore, pulsossimetro, kit pallone rianimazione e kit laringoscopico.

    Gli acquisti sono stati effettuati dopo un confronto diretto circa le esigenze dei reparti ospedalieri che potrebbero risultare più interessati dall’emergenza sanitaria contingente, ma anche pensando all’utilità che potranno avere ad emergenza conclusa: «Ci siamo confrontati con la dott.ssa Anna Monardo, direttore dell’Uoc di Rianimazione e Anestesia di Lamezia Terme, e con la dott.ssa Anna Maria Scozzafava, dirigente medico del reparto di Rianimazione e Anestesia di Catanzaro, che ringrazio per la preziosa consulenza.Ma ci tengo a ringraziare gli uffici della Camera di Commercio per aver completato tutte le procedure necessarie agli acquisti in brevissimo tempo. Avremmo voluto fare qualcosa di più di quanto abbiamo fatto, ma purtroppo la disponibilità di tanti prodotti è nulla o a consegna ritardata vista la situazione di emergenza. Volevamo però riuscire ad offrire un contributo concreto e immediato per cercare di agevolare il lavoro dei sanitari in un momento complicato», ha spiegato Rossi.