• Home / CITTA / Catanzaro / La Calabria è la destinazione turistica scelta per il 66° Congresso nazionale A.D.A.

    La Calabria è la destinazione turistica scelta per il 66° Congresso nazionale A.D.A.

    L’evento più importante e significativo dell’associazione nazionale dei direttori d’albergo quest’anno si terrà in Calabria.


    La comunicazione è stata data dal presidente regionale calabrese, Francesco Gentile, ai direttori in occasione dell’assemblea generale dei soci che si è tenuta nei giorni scorsi al Grand Hotel Lamezia. Un assise programmata dal direttivo regionale per approvare il rendiconto consuntivo 2019 e preventivo per il 2020 e per un confronto sulle attività pianificate nell’anno in corso, che vedrà i direttori impegnati a organizzare una giornata di reclutamento, prevista per il 21 di febbraio, finalizzata a far incontrare la domanda e l’offerta di lavoro nelle strutture ricettive gestite dai soci ADA.


    Ma alla riunione si è data grande rilevanza e sono state tracciate le linee programmatiche per ospitare, dal 3 al 5 aprile, il 66° congresso nazionale che raggruppa oltre 1.000 soci in Italia e molti nel mondo. Per l’ADA Calabria, che prenderà il testimone dalla Lombardia, è un’occasione unica dopo tanti anni dall’ultimo incontro nazionale che si tenne nella splendida cornice di Amantea, all’Hotel Village La Principessa nel maggio 2011, in occasione della ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.


    “Saranno tre giorni – afferma il presidente regionale Gentile – pianificati per i congressisti e gli accompagnatori per riscoprire le bellezze della nostra destinazione turistica con visite su tutto il territorio regionale al fine di far ammirare le aree protette naturali, i siti di pregio storico-culturali, accompagnati da momenti di degustazione delle eccellenze enogastronomiche e da spettacoli in luoghi suggestivi. Oltre alle interessanti escursioni si terranno momenti di incontro e confronto con i nostri sponsor e si tratteranno tematiche legate all’importanza della nostra professione, al ruolo del Direttore d’Albergo oggi e ai progetti che si possono sviluppare per il futuro della nostra tanto amata associazione”.