• Home / CALABRIA / Motorshow2Mari, l’edizione 2020 sarà a Lamezia Terme

    Motorshow2Mari, l’edizione 2020 sarà a Lamezia Terme

    L’annuncio degli organizzatori che svelano alcuni dettagli della kermesse e spiegano le
    ragioni dell’addio all’area portuale di Saline Joniche: «Noi, ospiti poco graditi»
    Il Motorshow 2Mari non si ferma. Anzi, rilancia. Dopo l’evento 2019 che ha catalizzato
    l’attenzione dei media nazionali e locali nell’area portuale di Saline Joniche, quest’anno la
    kermesse motoristica, fra le più importanti d’Italia, cambia location: l’evento, infatti, si
    svolgerà al Centro commerciale “Due Mari” del Comune di Maida di Lamezia Terme, dal
    23 al 26 luglio.
    Le novità dei “Due Mari”
    La kermesse in programma, “MotorShow2mari” di Lamezia, sarà un’edizione speciale ed
    ambiziosa, il cui programma ha già trovato un allargato e straordinario positivo consenso
    istituzionale, sportivo, turistico ed economico, grazie anche ad una location di forte interesse
    commerciale e considerabile epicentrale perché accessibile agevolmente con mezzi gommati,
    ferroviari, ed aerei e che consentirà al MotorShow 2Mari di assurgere l’evento motoristico tra
    i più grandi e completi d’Italia e d’Europa, in grado di ospitare oltre che i classici eventi
    motoristici ed espositivi di settore, importantissime iniziative sociali e di promozione
    perfettamente integrate nel programma, prevedendo in tal senso un’affluenza di migliaia di
    visitatori ed un indotto economico-turistico senza precedenti.
    Un programma rivoluzionario
    Il programma, assolutamente rivoluzionario, è in grado di trasmettere adrenalina ed emozioni
    attraverso le tantissime iniziative motoristiche, sportive, sociali, culturali e musicali,
    all’altezza di una manifestazione responsabilmente ambiziosa e candidata ad affermarsi quale
    “fiore all’occhiello” tra gli eventi motoristici nazionali ed in grado di coniugare passione,
    divertimento, tecnologia e turismo. Senza dimenticare un inevitabile indotto socio-economico
    attraverso un circuito comunicativo favorito anche dal puntuale coinvolgimento di personaggi
    famosi del mondo motoristico, dello spettacolo, dello sport in genere e delle Istituzioni. La
    kermesse, incentrata ovviamente sul settore motoristico quale veicolo promozionale dei suoi
    obiettivi, attraverso le tantissime prove su pista, competizioni e dimostrazioni, sarà
    puntualmente integrata da una corretta informazione sulle tecnologie innovative, convegni ed
    approfondimenti su tematiche specifiche del settore, della comunicazione e del sociale.
    Aspettando il Motorshow…
    L’edizione 2020 del Motorshow2mari sarà sin da subito anticipata da eventi promozionali,
    recanti lo slogan ufficiale “Aspettando il Motorshow2mari” tra cui la conferenza stampa di
    presentazione ufficiale dell’evento, allo scopo di offrire la massima visibilità dei partner e
    degli sponsor oltre che sensibilizzare il territorio animandolo di passione motoristica,
    sportiva e musicale ed altre iniziative sportive e culturali. L’idea è sviluppare l’intera
    manifestazione e collocarla geograficamente in un’ampia e strategica location, in grado di
    suscitare gli interessi promozionali dei settori interessati all’evento, accrescendo così la
    presenza e la qualità degli espositori e di importanti team motoristici nazionali e mondiali
    presenti. Le giornate del Motor Show 2mari saranno inoltre caratterizzate da ulteriori
    spettacoli all’insegna della buona musica, con concerti di altissimo livello accompagnati da
    artisti e presentatori del panorama televisivo nazionale e momenti istituzionali dedicati a
    riconoscimenti e premiazioni.
    Perché abbiamo lasciato Saline Joniche?
    Contrariamente a quelli che erano i nostri progetti iniziali, al termine della prima edizione
    del Motorshow2Mari, abbiamo dovuto prendere atto dell’impossibilità di poter
    procedere all’organizzazione di una nuova edizione nell’area portuale di Saline Joniche.
    Sono state molteplici le ragioni che hanno condotto ad una scelta dolorosa. In primis quanto
    accaduto con i lavori di bonifica dell’area portuale, i cui avrebbero dovuto essere sostenuti
    dalla Regione, previa presentazione di un progetto di riqualificazione da parte
    dell’amministrazione comunale di Montebello Jonico. E se da parte della Regione abbiamo
    riscontrato la totale disponibilità, nonché un serio interesse a coniugare la riqualificazione
    dell’area con la valorizzazione dell’evento, non ci spieghiamo ancora oggi come sia stato
    possibile, da parte dell’amministrazione comunale, far spirare i termini utili per la
    presentazione del progetto prodromico alla partecipazione al bando in questione. Una
    “dimenticanza” che si è posta in direzione opposta all’entusiasmo iniziale e che ha prodotto un
    danno enorme all’organizzazione che si è dovuta sobbarcare l’intero importo necessario
    alla riqualificazione dell’area, con ciò rischiando di compromettere seriamente la tenuta
    economico-finanziaria dell’evento. Un’ipotesi oggi scongiurata solo grazie agli immani sacrifici
    degli organizzatori ed al serio progetto messo in campo insieme a Protiviti, la multinazionale
    della consulenza strategica, che sta lavorando alacremente per realizzare un evento che
    rimarrà nella storia.
    Tornando alla decisione di lasciare Saline Joniche, non va sottaciuto come la stessa sia giunta
    anche a seguito della decisione, da parte del Comune di Montebello Jonico, di intimare,
    tramite pec, la dismissione della pista “Gilles Villeneuve”, formulando addirittura una
    diffida formale. Sia chiaro: eravamo ben consapevoli che, terminato l’evento, sarebbe stato
    necessario sgomberare l’area. Tuttavia, avevamo avviato proficue interlocuzioni con
    l’amministrazione comunale che, in un primo tempo, trionfante, ringraziava gli organizzatori e
    s’impegnava a trovare tutte le soluzioni possibili per mantenere una struttura che sarebbe
    stata utile, durante il corso dell’intero anno, per tante realtà locali e nazionali e non solo per
    Motorshow 2Mari. Poi, con un cambio radicale di direzione repetino che non sappiamo
    spiegarci, soprattutto per le modalità con cui è giunto, intimava in modo brusco di dismettere
    tutto e ripristinare lo stato dei luoghi.
    Esistono poi ulteriori e più gravi ragioni che hanno condotto alla decisione di lasciare Saline
    Joniche. Sulle stesse, però, ci riserviamo di riferire meglio in futuro incontrando la stampa. Lo
    dobbiamo soprattutto a tutti quegli imprenditori che ci sono stati e ci sono vicini ancora
    oggi. Da parte nostra, c’è la consapevolezza di aver agito sempre nel solco dell’onestà,
    della trasparenza e della legalità e di aver affrontato non poche difficoltà per fare in modo
    che l’evento si realizzasse nel modo più limpido possibile in un territorio che sapevamo già
    essere particolarmente difficile.
    Che dire? Abbiamo avuto la precisa percezione di essere ospiti poco graditi e non è
    rimasto altro da fare che assumere una decisione dolorosa ma necessaria: andare via e optare
    per una location che fosse in grado di garantire standard elevati su tutti i fronti. Riteniamo
    che per l’intero territorio greco-calabro sia stata un’occasione persa di possibile
    sviluppo e rilancio anche sotto il profilo turistico.
    Ora, però, Motorshow 2Mari rivolge tutte le proprie energie all’edizione 2020 che sta già
    interessando grosse aziende nazionali ed estere, interessate ad investire su una kermesse fra
    le più importanti d’Europa.