• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro Lido – Camper della Salute per uno screening della glicemia

    Catanzaro Lido – Camper della Salute per uno screening della glicemia

    “Una giornata di sensibilizzazione, con un obiettivo nobile e ben preciso: far comprendere che l’insorgenza del diabete mellito di tipo 2 è prevenibile. Ed è importantissimo farlo in un momento storico come il nostro in cui il diabete è oramai divenuto un’emergenza globale.

    E’ con questo intento che il Rotary Club Catanzaro Tre Colli sabato 14 dicembre sarà presente sul lungomare di Catanzaro Lido con il Camper della Salute per uno screening della glicemia e dell’emoglobina glicata.

    Secondo l’International Diabetes Federation, oltre 425 milioni di persone tra i 20 e i 79 anni, nel mondo, soffrono di diabete. Una malattia che causa ogni anno 4 milioni di decessi e che, nel caso di diabete di tipo 2, si sviluppa perché il corpo umano non riesce a usare in modo efficace l’insulina che produce.

    Anche in Italia oltre 3 milioni di persone convivono con questa malattia. Un numero che, tra il 2015 e il 2018, ha visto una crescita dei casi del 2% tra gli under 50 e del 10% nella fascia 50-69 anni.

    La diagnosi precoce e l’adesione al trattamento sono fondamentali per prevenire o ritardare il vero problema del diabete, ovvero le possibili complicanze croniche, che hanno un notevole impatto socio-sanitario che colpisce sia l’individuo che la famiglia.

    La famiglia è fondamentale per imparare e mantenere un corretto stile di vita, per migliorare la gestione del diabete tipo 1 ed evitare le sue complicanze e al tempo stesso prevenire sovrappeso e obesità, importanti fattori di rischio del diabete tipo 2.

     

    Il Rotary Club Catanzaro Tre Colli in collaborazione con il Camper della Salute, Federfarma Catanzaro e Iris Healthcare saranno presenti tutta la mattina di sabato dalle 9:00 alle 13:00 con i loro rappresentanti a Catanzaro lido: nell’occasione saranno date informazioni sul  rischio di sviluppare la patologia, e valutare l’aderenza alla terapia ove la malattia fosse già in atto”.