• Home / CITTA / Catanzaro / Congresso Nazionale del Pd: Damiano atteso a Catanzaro per illustrare programma

    Congresso Nazionale del Pd: Damiano atteso a Catanzaro per illustrare programma

    L’On. Cesare Damiano, dirigente nazionale del PD, sarà in Calabria a Catanzaro il prossimo 24 ottobre 2018, per illustrare il contributo di programma elaborato in vista del Congresso nazionale del partito.

    Lo annuncia il coordinamento regionale dell’Area politico-culturale  LABURISTI DEM  che si è riunito ieri nella città capoluogo.

    Il 6 ottobre scorso abbiamo partecipato a un confronto importante a Roma con l’On Cesare Damiano(v. foto allegata). Nell’occasione é  stato presentato il primo documento di programma, aperto ad eventuali integrazioni e modifiche, per dare una nuova prospettiva  al Pd e all’area democratica e di sinistra”. Adesso è il momento di dare voce sul territorio a tante energie che chiedono con urgenza una nuova  piattaforma di valori, d’idee, di proposte coerenti per la elezione nei congressi dei dirigenti da Roma alla Calabria. Parteciperemo a questo confronto con le nostre proposte per contribuire a definire il profilo di una nuova  sinistra riformista e meridionalista. Solo la consapevolezza lucida degli errori commessi potrà alimentare uno spazio proficuo di lavoro dentro e fuori il PD. Dobbiamo offrire risposte alle nuove disuguaglianze prodotte dalla globalizzazione, dall’andamento demografico, dai flussi migratori in entrata ed uscita, dal cambiamento prodotto dalla digitalizzazione e dobbiamo saper interpretare democraticamente le paure diffuse rispetto ai fenomeni di prepotenza mafiosa e di violenza delinquenziale. Dobbiamo confrontarci sui grandi temi dello sviluppo regionale, a partire dall’emergenza sul territorio continuamente devastato da disastri climatici e da gestioni dissennate dell’ambiente. Il cordoglio per le vittime di Curinga deve coerentemente suscitare una nuova cultura della prevenzione e della pianificazione urbanistica e territoriale.

    Da qui l’esigenza di aprire  un cantiere vero di confronto a più voci e a più livelli, per definire un programma unitario, una squadra plurale e leale, dirigenti  rinnovati all’insegna della discontinuità. Solo così sarà possibile alimentare le radici ideali della sinistra per proporre un alternativa credibile ai disastri sociali prodotti dal liberismo cinico e alla deriva sovranista che oggi è montante in Italia e in Europa. Su queste tematiche organizzeremo un incontro pubblico per  fornire un contributo di  contenuti politici e culturali in questa importantissima fase precongressuale.