• Home / CITTA / Catanzaro / Elezioni, a Catanzaro votano 72515 elettori: 653 millennials

    Elezioni, a Catanzaro votano 72515 elettori: 653 millennials

    Saranno 72515 le elettrici e gli elettori catanzaresi chiamati alle urne domenica 4 marzo per l’elezione del Senato e della Camera dei Deputati. A questi vanno aggiunti 2203 residenti all’estero iscritti all’Aire, albo italiani residenti all’estero.

    Voteranno per la prima volta 653 elettori di cui 337 donne e 316 uomini.

    Gli elettori che voteranno per la Camera saranno, dunque, 72515, per il Senato 66037 (votano quanti hanno compiuto 25 anni). I numeri sono stati forniti dall’ufficio elettorale di Palazzo De Nobili, coordinato da Franco Catanzaro, precisando che le donne saranno 38217, gli uomini 34298. Cifra inferiore rispetto all’ultima consultazione amministrativa, quando gli iscritti alle liste erano 75290 comprensivi di 354 cittadini comunitari e di 10 iscritti nella lista aggiunta Trento e Bolzano.

    Novanta i seggi allestiti, privi di barriere architettoniche; sei i seggi speciali; nove quelli cosiddetti volanti, cioè in strutture sanitarie con meno di cento posti letto. 372 gli scrutatori impiegati nei seggi. Impegnati anche oltre cento dipendenti comunali tra vigili urbani, personale dell’ufficio tecnico, dell’ufficio anagrafe ed elettorale oltre a quelli comandati da vari settori. La macchina comunale, predisposta dal responsabile dell’ufficio elettorale Franco Catanzaro, è stata messa in piedi seguendo le direttive impartite dal dirigente, Antonino Ferraiolo, e dalla segretaria generale, Vincenzina Sica, che coordina tutto l’apparato elettorale e tiene i rapporti con la Prefettura e le Forze dell’Ordine.

    L’ufficio stampa diretto da Sergio Dragone in collaborazione con il segretario di redazione Saverio Artirio garantirà una tempestiva fruizione dei dati.

    Per contatti con l’Ufficio Stampa è a disposizione il numero di telefono: 0961-881207. Eventuali comunicazioni mail all’indirizzo: stampa@comune.catanzaro.it

    Inoltre, l’ufficio elettorale ha ricordato che funzioneranno gli sportelli adibiti al servizio rilascio duplicati tessere elettorali. Gli sportelli sono ubicati alla sede centrale di via Iannoni e negli uffici decentrati di Lido e Santa Maria. Quindi, i cittadini che per un qualsiasi motivo si trovino sprovvisti di tessera elettorale, oppure hanno completato gli spazi riservati alla vidimazione, potranno rivolgersi direttamente alle due sedi decentrate o alla sede centrale del Municipio. Gli uffici espleteranno orario continuativo dalle ore 7 fino al termine delle operazioni di voto.

    Ricordiamo che le urne sono aperte domenica 4 marzo dalle ore 7 alle 23. Subito dopo inizieranno le operazioni di spoglio. Si inizierà con lo scrutinio delle schede del Senato, a seguire quelle della Camera. I risultati della città si possono seguire online sul sito. www.comunecatanzaro.it.

    Infine, il dirigente del settore servizi demografici, Antonino Ferraiolo ha voluto precisare che “per la prima volta dopo più di dieci anni, l’elettore troverà nei seggi una importante novità sulla scheda: il tagliando antifrode, bollino contenente un codice progressivo alfanumerico che verrà applicato su un’appendice di ciascuna scheda, generato in serie e che verrà annotato sul registro elettorale”.

    Il responsabile dell’ufficio, Franco Catanzaro ne ha spiegato in dettaglio la procedura evidenziando come l’elettore “dopo aver espresso il proprio voto, dovrà consegnare la scheda chiusa al presidente di seggio, e non metterla direttamente nell’urna così come avveniva nelle precedenti elezioni. Il presidente di seggio staccherà il tagliando dalla scheda elettorale dopo aver confrontato il codice con quello annotato sul registro elettorale. Dopo il controllo inserirà la scheda nell’urna che, così, tornerà ad essere anonima. E’ importante – ha sottolineato Catanzaro – che gli elettori non inseriscano direttamente le schede nelle urne, ma consegnino le stesse al presidente di seggio per evitare l’annullamento della votazione. Questo nuovo sistema è stato messo in atto dal ministero degli Interni per contrastarne la contraffazione della tessera ed eventuali casi di “scheda ballerina” . Adempimenti che il Comune di Catanzaro si è premurato di chiarire ai presidenti di seggio nel corso di un’apposita riunione tenutasi nella sala conferenze della biblioteca De Nobili, organizzata e presieduta dalla segretaria generale Vincenzina Sica, presenti il dirigente del settore, Antonino Ferraiolo, il responsabile dell’ufficio elettorale, Franco Catanzaro e una nutrita rappresentanza di presidenti di seggio provenienti dei centri limitrofi”.