• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro: al via “Aula pulita”

    Catanzaro: al via “Aula pulita”

    <!– /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} @page Section1 {size:612.0pt 792.0pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:36.0pt; mso-footer-margin:36.0pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} –>

    Singolare iniziativa, ancorché formativa, promossa degli alunni della classe 1^ H della Scuola Secondaria di 1° grado “V. Vivaldi” di Catanzaro Lido. Insieme, nei primissimi giorni del nuovo anno, uniti dall’esigenza di dotarsi di un ambiente più idoneo, armati di pittura, pennelli e rulli ma soprattutto spinti da una sana e appassionata voglia di cambiamento, hanno dato vita al progetto “Aula pulita”. L’opera di tinteggiatura dell’aula da essi occupata ha coinvolto anche alcuni genitori che, con grande spirito di iniziativa e disponibilità, hanno lavorato insieme ai propri figli. L’occasione, infatti, ha dato luogo ad un gradito momento di aggregazione scuola/famiglia. Il progetto ha messo alla luce l’interesse degli alunni ad iniziare il nuovo percorso di studi in un ambiente più pulito ed accogliente tralasciando, evidentemente, l’aspetto della competenza istituzionale. Effettivamente l’autonomia scolastica porta anche a questo, infatti lo stesso dirigente della struttura didattica, Dott. Vitaliano Rotundo, insieme a tutto il quadro docenti del corso H, hanno approvato senza esitare, anzi con ammirazione per la finalità della proposta, il piano di intervento infrastrutturale, sulla scorta anche della grave carenza di fondi che incombe sull’Istruzione in generale.

    Un grande plauso quindi agli alunni della “1^ H” che si sono cimentati in questo, impegnativo e stancante, lavoro.  Encomiabile impresa, quindi, per questi bambini di soli 10 e 11 anni.

    Il messaggio che gli stressi vogliono dare suona come un invito, rivolto a tutti, al rispetto ed al buon mantenimento, in senso civico, della cosa pubblica. L’impegno profuso, infatti, non si è interrotto con l’ultima pennellata sulle pareti della loro aula, ma prosegue con maggiore attenzione sotto forma di  vigilanza reciproca per la tutela di un ambiente scolastico più idoneo all’attività educativa.

    Francesco Viapiana