• Home / CITTA / Catanzaro / La Giunta regionale approva ddl per agriturismo e turismo rurale

    La Giunta regionale approva ddl per agriturismo e turismo rurale

    La Giunta Regionale della Calabria, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Mario Pirillo, ha approvato il disegno di legge che disciplina l’esercizio dell’attivita’ agrituristica e del turismo rurale. Dopo vent’anni esatti, dunque, si legge in una nota, si e’ arrivati a modificare la precedente normativa in materia di agriturismo, sulla scorta dei principi fondamentali, contenuti nella legge nazionale, approvata dal Parlamento nel febbraio 2006. Di particolare interesse nella nuova disciplina un’altra forma di soggiorno in ambiente rurale, definito turismo rurale, un’offerta turistica di tipo alberghiero che consiste nella fornitura di ospitalita’, ristorazione, attivita’ sportive e di servizio destinata al godimento dei beni naturalistici, ambientali e culturali in ambiente rurale. ”Abbiamo lavorato in sinergia con le organizzazioni professionali agricole e quelle agrituristiche – ha dichiarato l’assessore Pirillo – chiedendo anche il supporto del Dipartimento Scienze Giuridiche dell’Universita’ della Calabria. Era fondamentale, proprio in questa fase di grandi novita’ per l’agricoltura calabrese, incentivare la permanenza degli agricoltori nelle aree rurali attraverso un sostegno concreto all’agriturismo. Un agriturismo di qualita’ e naturalmente rispettoso dei principi della legge nazionale, che sono rigidi e che naturalmente rispetteremo senza eccezione alcuna”. Grazie ai fondi previsti nel Programma di Sviluppo Rurale – Asse 3 ”Qualita’ della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale” – e con una nuova e piu’ moderna legislazione regionale, l’agriturismo calabrese potra’ dispiegare tutto il suo potenziale, migliorando in particolare la competitivita’ e l’offerta con maggiori investimenti nella promozione del territorio. L’assessore Pirillo, infine, confida nel sostegno del Presidente del Consiglio Regionale, affinche’ il ddl arrivi presto in aula per la sua definitiva approvazione, essendo da poco scaduti i termini per la presentazione delle domande per accedere ai benefici della misura 311 (diversificazione in attivita’ non agricole).  (Asca)