• Home / CITTA / Tir al Porto di Reggio Calabria, Siclari (Mns): ‘Falcomatà e compagni si dimettano subito per manifesta inferiorità’

    Tir al Porto di Reggio Calabria, Siclari (Mns): ‘Falcomatà e compagni si dimettano subito per manifesta inferiorità’

     

    Di seguito la nota di Ernesto Siclari (Movimento Nazionale per la Sovranità):

     

    Ci sbeffeggiarono quando oltre tre anni lanciammo l’allarme sul porto, su questo progetto scellerato che vuole la nostra Reggio ridotta a terminal dei mezzi pesanti, in barba a quella straordinaria visione turistica che invece noi abbiamo sempre immaginato per la città. Ci dissero che ci “stracciavamo le vesti”, che si trattava di “eresia trasportistica” e che loro, viceversa, stavano lavorando per scongiurare questo pericolo.

    E adesso?! È questo il frutto del loro lavoro. La resa incondizionata di fronte ai dictat di partito nazionali e regionali. Governi “amici” solo per tessera di partito ai quali chinare sempre il capo, sacrificando la nostra terra e la dignità di tutti. Inutile atteggiarsi a vittima adesso. Non ti resta che dimetterti per manifesta incapacità, Sindaco. Tu e i tuoi compagni avete svenduto Reggio.

    Ma noi non ci fermeremo e non consentiremo che il progetto turistico per la nostra città venga affossato da una idea insensata e dannosa come questa. Noi non ci arrendiamo a questa situazione, al drammatico stato in cui questi inadeguati hanno ridotto la nostra Reggio. Il grido di allarme proveniente persino dai sindacati sulla paventata chiusura dell’aeroporto altro non è che l’ultimo urlo lanciato al cielo da una cittadinanza che non ha alcuna intenzione di assuefarsi ai minimi storici cui vorrebbero sindaco e sinistra reggina.

    Noi sovranisti siamo stati i primi a mettere in guardia i cittadini e i mezzi di informazione circa le reali intenzioni di questa sinistra, dello scellerato progetto che parte dal PD regionale e trova sponde di complicita silenziosa a livello di comune e città metropolitana. Abbiamo chiamato a raccolta i reggini in piazza su porto e aeroporto per una protesta decisa e forte che non è servita a scuotere gli animi di chi ci sta amministrando ormai da troppo tempo.

    A nulla sono servite le manifestazioni sparse su tutto il territorio volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla gravità della situazione.

    E questo è il redde rationem, il conto servito ad una città che sta pagando a troppo caro prezzo l’errore di avere eletto chi si è rivelato non in grado, per formazione politica e incapacità, di dare alla nostra Reggio la guida che merita.

    Il Commissario Metropolitano

    Ernesto Siclari.