• Home / CITTA / Reggio Calabria – L’Unità di crisi attivata dal Prefetto continua
    Reggio Calabria, incendio ex emeroteca, dura condanna del prefetto Di Bari

    Reggio Calabria – L’Unità di crisi attivata dal Prefetto continua

    Ha operato per tutta  la notte  e continua ad  essere attiva  H 24, sino a cessate esigenze,  l’Unità di crisi istituita   dal pomeriggio  dello scorso 9 luglio dal Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, per coordinare le attività volte a fronteggiare l’emergenza incendi che sta interessando  questo territorio provinciale.

    Dalla nottata odierna, gli interventi più rilevanti hanno interessato i comuni di  Mammola, Cittanova, Galatro, San Roberto, Oppido Mamertina, Fiumara, Antonimina, Calanna e Reggio Calabria- Frazioni Oliveto, Ortì, Gallico Superiore e Sambatello.

     In particolare, nel comune di Mammola, in località Limina, nel territorio dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, sono tuttora operanti un DOS  (Direttore Operazioni Spegnimento) dei Vigili del Fuoco e due velivoli Canadair nonché una squadra di Volontari.

    Sempre nel predetto comune, in località Marvelli, è stato estinto, nella mattinata,  un  altro incendio boschivo.

    Anche nel comune di  San Roberto  è presente un DOS   ed è stato richiesto l’intervento di un  mezzo aereo per concorrere nell’attività di spegnimento.

    Altro DOS  è presente  su Oppido, frazione Castellace, per valutare la necessità di un velivolo.

    Dalla notte si contano 32 interventi dei Vigili del Fuoco con l’impiego di 4 DOS e 10 squadre del comprensorio provinciale.

    Impegnate anche squadre antincendio dell’Azienda Calabria Verde.

    Prosegue l’attività di monitoraggio del territorio e delle situazioni di rischio da parte delle componenti del Sistema di protezione civile nonché l’operatività dei dispositivi di emergenza che hanno il loro punto di coordinamento nell’Unità di Crisi, d’intesa anche con il Dipartimento regionale di Protezione Civile