• Home / CITTA / “Sospiri in cielo”: l’esordio del New Wave Duo in ricordo di Maria Chindamo

    “Sospiri in cielo”: l’esordio del New Wave Duo in ricordo di Maria Chindamo

    di Domenico Grillone – Si chiama “Sospiri in cielo” il brano di bossa nova, con testo in italiano, dedicato alla storia di Maria Chindamo, la donna di 44 anni di Laureana di Borrello scomparsa nel nulla il 6 maggio dello scorso anno, dopo essere stata aggredita a Limbadi dinanzi al cancello della sua tenuta agricola. Un esordio impegnato, quello del New Wave Duo (Domenico Sellaro e Maria Tramontana), in attesa dell’uscita del primo lavoro dell’interessante coppia artistica. “Conoscevo Maria Chindamo – esordisce Domenico Sellaro, docente di chitarra classica ed avvocato – lei ci seguiva e veniva ai nostri concerti, persino un mese prima della sua scomparsa. Sembra incredibile, in Calabria nel 2016 non si può fare la fine che lei ha fatto”. Una passione per il samba, bossa nova ed in genere per la Mpb (musica popular brasileira) quella di Domenico e Maria Tramontana, che risale a circa otto anni addietro, quando si conobbero in uno studio legale in cui entrambi collaboravano. Una bellissima storia d’amore culminata con i classici fiori d’arancio e con una grande passione in comune, la musica. Fu quando il Comune di Polistena (presso cui Maria faceva il servizio civile) organizzò la prima edizione de “Le Corti aperte”, una bellissima manifestazione durante la quale le corti dei palazzi nobili del paese si aprono al pubblico, che i due decisero di affidarsi ad un repertorio di musica brasiliana. “Maria mi propose di accompagnarla con la chitarra – ricorda Domenico – avevamo un paio di mesi di tempo per montare su un repertorio. In realtà non avevamo idea di cosa suonare. Poi un giorno su youtube mi imbattei in un video, era un duo composto da due brasiliani, Romero Lubambo e Luciana Souza. Fui rapito dalla voce di lei e dalle prodezze chitarristiche di lui, peraltro senza ancora conoscere la differenza tra una bossa nova e uno choro. Feci ascoltare i brani a Maria (flautista diplomata ma soprattutto una cantante molto apprezzata, ndr) ed anche lei fu rapita dalla poesia di quel connubio ed allora decidemmo di cimentarci. Il concerto fu molto bello, il giardino era pieno di parenti, amici e paesani, che alla fine ci esortarono a continuare”. Da allora di tempo ne è passato: il matrimonio, un figlio, Diego, ed una intensa attività concertistica ma senza mai mollare quella formativa. In questi anni, infatti, il Duo ha seguito numerosi corsi di formazione e diverse masterclass con il maestro Giovanni Guaccero. Luca Pitteri, Greta Panettieri, Maria Pia De Vito. “Ho continuato a studiare imitando anche i tic nervosi di Romero Lubambo – dice ancora Domenico – pensa che per andare a conoscerlo nel 2014 ho preso un aereo per Milano”. Poi nel 2016 Domenico frequenta, a Roma, una masterclass con Guinga, uno dei più grandi compositori brasiliani. “Mi colpì il fatto che non leggesse la musica e che non avesse studi musicali, dal momento che è un dentista. Eppure le sue canzoni hanno qualcosa di geniale e il suo approccio con la chitarra e l’armonia è assolutamente innovativo. Passo oltre un terzo delle mie giornate di studio ad eseguire gli accordi dei suoi brani nelle posizioni da lui prese. Il suo uso dei rivolti è davvero speciale e crea degli effetti sullo strumento che sono “magici”. Un percorso musicale, quello del New Wave Duo, che alla fine incassa per il suo brano d’esordio, tra gli altri, i complimenti di Christianne Neves. “Lei è una pianista brasiliana veramente speciale. Fa la spola tra San Paolo e l’Italia, dove suona in diverse formazioni e tiene diverse masterclass di musica brasiliana. Non ho mai studiato con lei, ma mi ha sempre seguito e dato consigli. Per Lei il brano ha una ‘harmonia sofisticada’. Appena ho letto il suo commento ho subito pensato che lo studio dei brani di Guinga ha dato i suoi frutti”. All’esordio del New Wave Duo hanno collaborato il trombettista Antonio Bifulco, in “Sospiri in cielo” suona il flicorno, musicista di tutto rispetto dal momento che ha inciso con Morricone, ha lavorato in Rai e dopo aver collaborato all’esordio del Duo è volato a Roma per registrare l’ultimo cd di Max Gazzé. Il bassista, Luciano Cefalà, è di casa al Roccella Jazz Festival con la formazione della famosa cantante jazz calabrese Simona Calipari, amica del Duo e madrina del progetto. “Il suono del basso di Luciano mi colpì abbastanza, forse perché molto simile al suono, che in quel periodo ascoltavo tanto, del famoso chitarrista e compositore brasiliano, Yamandu Costa”. Alla batteria Tonino Palamara, batterista di Gigi Misefari e Francesco Loccisano. Il testo di “Sospiri in Cielo” è stato scritto da Alfredo Guerrisi, appassionato di musica e poesia, amico della coppia. “Nel testo è come se il figlio di questa donna parlasse alla madre. All’inizio passavamo intere serate al mio studio, bevendo un rhum, fumando sigari ed ascoltando musica. Lui mi ha sempre proposto di provare a fare un inedito, io ho temporeggiato perché non mi sentivo pronto. Fin quando decisi di provare. E registrare la canzone fu una vera festa”. “Sono molto soddisfatto di questo lavoro – conclude Domenico – siamo riusciti ad unire musicisti con percorsi diversissimi, ma tutti con lo stesso obiettivo. Chi viene dal jazz, chi dalla musica classica, chi da quella popolare. Ed insieme abbiamo suonato una bossa nova. Non me ne vorranno gli amici brasiliani che tanto hanno apprezzato la nostra versione di ‘Muita Bobeira’. Dovevamo lanciare un messaggio alla nostra terra, dovevamo raccontare la storia di una ragazza di Calabria, di una tragedia nostrana. Crediamo di esserci riusciti”.

    SOSPIRI IN CIELO (testo di Alfredo Guerrisi, musica di Domenico Sellaro)

    “Ci sono giorni che non tornano, sono quei giorni che ti cambiano ed una mano che tu non conosci ancora ti porta via la vita solo per rancore Ed un amore immenso ed unico diventa un vuoto sordo e lacero in questa terra maledetta dall’onore e da un silenzio che rimbomba dentro il cuore. Sospiri in cielo che portano il tuo nome e nel tuo nome io cerco Verità. La Verità sconfiggerà il silenzio e l’odio che ti portò via da me. Ti cerco nei ricordi e nei sogni miei osservo la tua foto ingiallita, ormai il tuo sorriso non rivela dove sei, trovarti solo dove non son stato mai. Sospiri in cielo che portano il tuo nome e nel tuo nome, io cerco Verità. La Verità sconfiggerà il silenzio e l’odio che ti portò via da me. Ti seguirò, ti cercherò, ti troverò, saprò la Verità. Sospiri in cielo che portano il tuo nome. E nel tuo nome saprò la Verità”.

    New Wave Duo