• Home / CITTA / Tabaccaio ucciso a Reggio: in passato vittima di rapine
    Agguato a Gallico contro Logiudice

    Tabaccaio ucciso a Reggio: in passato vittima di rapine

    Sono proseguiti per tutta la notte i controlli della polizia di Stato e dei carabinieri per identificare i responsabili contro Bruno Ielo, 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, ucciso ieri sera a Catona di Reggio Calabria con alcuni colpi di pistola, di cui uno alla testa, mentre rincasava alla guida del suo scooter. Le indagini, coordinate dal pm Romano Gullo, sono concentrate su alcuni episodi che avevano visto il tabaccaio vittima di precedenti rapine, l’ultima, in ordine di tempo lo scorso novembre, nel suo esercizio commerciale ubicato a Gallico, quartiere confinante con Catona, quando due persone avevano tentato di sottrargli l’incasso. In quell’occasione, Ielo reagìduramente e fu raggiunto da un colpo di pistola al volto dai rapinatori in fuga. Gli investigatori della Squadra mobile stanno adesso tentando di comporre i pezzi di un mosaico per ricostruire minuziosamente l’attività lavorativa e i contatti che Bruno Ielo teneva per la sua attività di commerciante. E’ stata escluso, intanto, che la pistola rinvenuta sul luogo del delitto appartenesse alla vittima, mentre è risultato chiaro dalle immagini registrate da alcune telecamere di servizio a protezione di due aziende vicine al luogo dell’agguato che gli assassini abbiano affiancato Ielo con la loro auto. Colpito alla testa, Bruno Ielo è rimasto senza vita sull’asfalto dell’ex Statale 18 all’altezza di Catona sotto gli occhi della figlia, che lo precedeva in macchina di qualche metro.