• Home / CITTA / Reggio – Approvata la rimodulazione del piano di riequilibrio finanziario

    Reggio – Approvata la rimodulazione del piano di riequilibrio finanziario

    Con i 17 voti favorevoli della maggioranza e i 5 astenuti della minoranza il Consiglio Comunale ha provveduto ad approvare nella seduta odierna, in prima convocazione, la proposta di rimodulazione del Piano di Riequilibrio Finanziario ai sensi dell’art. 1, comma 434 della Legge 232/2016 che passerà adesso al vaglio della Sezione Regionale di controllo della Corte dei Conti.

    Il Comune di Reggio Calabria aveva fatto ricorso alla procedura di Riequilibrio Finanziario nel 2013, durante il governo della Commissione Straordinaria, tuttavia la legge finanziaria vigente ha accordato agli enti locali in possesso dei requisiti, la rimodulazione del Piano di Riequilibrio nel rispetto dei limiti di coerenza legati alla sana gestione finanziaria.

    Spiega l’assessore al Bilancio Irene Calabrò che ha illustrato la proposta in aula:

    « Abbiamo colto l’occasione che la legge commina di presentare alla sezione regionale della Corte dei Conti una rimodulazione del piano di riequilibrio finanziario, fermi restando i tempi di pagamento dei creditori, gli obblighi e le prescrizioni sostanziali del precedente piano».

    I dati presentati dalla Calabrò suffragati dal parere positivo espresso in materia dai revisori dell’Ente ed accolti dalla Commissione Bilancio :

    « ci consentono a seguito della approvazione del consuntivo 2016 avvenuta pochi giorni fa di scorporare la quota residua di disavanzo risultante dall’accertamento dei residui e di rimodularla nei 28 anni, rispettando in pieno il limite dei 30 accordato dal provvedimento di legge».

    Conclude l’assessore Calabrò a margine della seduta:

    « Il risultato della odierna votazione garantisce maggiormente che gli obiettivi di risanamento previsti così come rimodulati saranno complessivamente conseguiti, confermando la validità e la proficuità della gestione del Piano di riequilibrio da parte dell’Amministrazione Falcomatà».