• Home / CITTA / Morte Bergamini – Procuratore Facciolla: “Incidente probatorio per riesumazione salma”

    Morte Bergamini – Procuratore Facciolla: “Incidente probatorio per riesumazione salma”

    “Non possiamo restare fermi. La difesa ancora non aveva depositato nessuna richiesta di incidente probatorio e così ho deciso di farlo io”. Il Procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio Facciolla, non vuole che si temporeggi sul “caso Bergamini” e ha inoltrato al Gip del Tribunale di Castrovillari, Teresa Riggio, la richiesta di incidente probatorio per la riesumazione del cadavere di Denis Bergamini, il giocatore del Cosenza deceduto il 18 novembre del 1989. Nelle settimane scorse il procuratore Facciolla aveva deciso di riaprire nuovamente il caso per la morte del calciatore del Cosenza. La Procura ipotizza che la morte di Denis Bergamini possa non essere dovuta a suicidio, come si è finora ritenuto, ma che la morte del calciatore sia da legare ad un “omicidio aggravato premeditato in concorso”, fatti per i quali si procede nei confronti di due persone, l’ex fidanzata, Isabella Internò, ed il conducente del camion che investì Bergamini, Raffaele Pisano. Le operazioni di riesumazione del cadavere di Bergamini, fissate in un primo tempo per lo scorso 2 maggio, erano slittate in quanto il legale di Isabella Internò, il 28 aprile scorso, in fase di conferimento dell’incarico ai periti, aveva preannunciato la presentazione di un’istanza di incidente probatorio. Istanza che fino a ieri, però, non era ancora pervenuta al giudice per le indagini preliminari. Una situazione che ha indotto il procuratore Facciolla e promuovere lui l’iniziativa chiedendo formalmente al Gip, Teresa Riggio, di procedere alla riesumazione con l’incidente probatorio.