• Home / CITTA / Rosarno, eletti i Nuovi Organismi del SUL-Porti

    Rosarno, eletti i Nuovi Organismi del SUL-Porti

    Il congresso dei Portuali tenutosi lo scorso 8 ottobre ha eletto il nuovo gruppo dei quadri e dei  dirigenti che guiderà il SUL per il prossimo quadriennio. Il congresso si è tenuto alla presenza del Segretario Nazionale del SUL, Antonio Pronestì , del Segretario Regionale del SUL.PI, Giuseppe Gentile , del Segretario Regionale del SUL CT. Giovanni Marullo e del Segretario Provinciale del SUL di Reggio Calabria, Aldo Libri.

    L’evoluzione e la crescita del SUL nel territorio ha portato a ridisegnare la mappa dei quadri e dei dirigenti dell’organizzazione inserendo nel gruppo dirigente delegati delle società AutoTerminal Gioia Tauro Sp.A. e Gioia Tauro Port Security  S.r.l.,  società che operano da anni nel porto di Gioia Tauro e che hanno visto il SUL crescere al loro interno in termini di consenso.

    Segretario del Coordinamento Portuali SUL di Gioia Tauroè stato eletto Carmelo Cozza. Nella segreteria dei portuali sono stati eletti Daniele Caratozzolo, Massimo Cimato, Antonio Luvarà, Domenico Macrì , Vincenzo Malvaso e Ruggero Raso.

    Carmelo Cozza rivestirà anche la carica di Segretario Regionale del SUL del settore Porti. In segreteria sarà coadiuvato da Daniele Caratozzolo, Cosimo Galati, Antonio Luvarà, Domenico Macrì , Vincenzo Malvaso e Ruggero Raso.

    La Segreteria Nazionale del SUL settore Porti è stata affidata a Daniele Caratozzolo. Nella segreteria Nazionale sono stati eletti anche Carmelo Cozza, Domenico Macrì , Vincenzo Malvaso e Roberta Massoni.

    Alla guida dei Marittimi del SUL è stato eletto SegretarioMassimo Bilardi che sarà affiancato in segreteria da Giuseppe Procopio e Pietro Lo Faro.

    Abbiamo assolto agli adempimenti Statutari – dichiara Antonio Pronestì segretario nazionale del SUL – inmomento molto difficile per la portualità e in particolare per il mondo del Trashipment. Questo ha contribuito a rendere la discussione molto interessante e impegnativa, visto che siamo ad un passo dal momento più critico della storia del porto gioiese. I problemi ci sono in tutto il settore, ma Gioia Tauro sta pagando il prezzo più alto.

    Il mandato congressuale, in continuazione del percorso già svolto, oltre a confermare la politica sindacale a tutela dei lavoratori e dell’occupazione si concentra sulle Tutele dei lavoratori e sul rilancio dell’area portuale. Su questi punti non si transige e se non basterà il dialogo, siamo pronti alla lotta.