• Home / CITTA / Olimpiadi 2028 al Sud, Occhiuto punta su Sindaco di Bari: “Ora crediamoci di più”

    Olimpiadi 2028 al Sud, Occhiuto punta su Sindaco di Bari: “Ora crediamoci di più”

    “Apprendo dalla stampa che oggi la città di Milano sarebbe l’unica  possibile candidata a organizzare le Olimpiadi del 2028, dunque si dimentica che il Sud c’è e può mettere in campo una grandissima offerta in termini di efficienza e ospitalità del territorio”.
    Mario Occhiuto, sindaco di Cosenza e presidente della Commissione Mezzogiorno dell’Anci, torna a evidenziare il ruolo del Sud Italia a proposito di una candidatura per i futuri Giochi olimpici, specie con l’importante risultato raggiunto oggi nel capoluogo pugliese, dove si sono svolte le elezioni dell’assemblea annuale dei sindaci.
    “Proprio oggi – afferma Occhiuto – Antonio Decaro, sindaco di Bari e quindi di una delle nostre più grandi città definita fra l’altro la Milano del Sud, è stato eletto presidente dell’Anci. Si tratta di un ottimo segnale per riportare le dovute attenzioni in termini di crescita e sviluppo verso i nostri territori. Riguardo a un percorso che ci veda uniti per un comune obiettivo, ne parlerò nuovamente con Luigi De Magistris – annuncia ancora Occhiuto – oltre che con lo stesso Decaro, con Leoluca Orlando e altri colleghi dei principali Comuni meridionali. Dopodiché vedremo di incontrare al più presto il presidente del Coni, Giovanni Malagò. Se è vero – aggiunge – che aumentano  fortemente le chance di Los Angeles per il 2024 – continua Occhiuto – questo non può che favorire l’Europa per l’edizione successiva. Il Sud deve credere in questo percorso unitario che necessita di sinergia istituzionale e politica. L’unione, in questa sfida, può cambiare il corso della storia. Per tali ragioni – conclude il Sindaco – miriamo a valorizzare tutte le suggestioni della Magna Grecia in modo da raggiungere un traguardo straordinario che non ha precedenti”. Olimpiadi 2028 al Sud, Occhiuto punta sul ruolo di Decaro, Sindaco di Bari, neo presidente dell’Anci: “Ora crediamoci di più”