• Home / CITTA / Cosenza – Forza Italia Giovani: “Bene proposta per videosorveglianza in asili e strutture per anziani e disabili”

    Cosenza – Forza Italia Giovani: “Bene proposta per videosorveglianza in asili e strutture per anziani e disabili”

    Asili nido e strutture per anziani e disabili ospitano soggetti totalmente alla mercé di chi si dovrebbe prendere cura di loro ma ciò purtroppo, non sempre accade.
    Il Disegno di Legge C. 3933 che ha come prima firmataria la deputata di Forza Italia Gabriella Gianmanco prevede l’installazione di telecamere criptate, a circuito chiuso, le cui registrazioni saranno inviolabili e visibili solo, ed esclusivamente, dalle Forze dell’Ordine a seguito di formale denuncia. Una proposta importante che riesce a conciliare la tutela delle categorie più deboli con il rispetto della privacy.

    “Quante volte – dichiara Francesco Coscarella, giovane forzista responsabile del Dipartimento Giustizia del coordinamento giovanile di FI Cosenza – i bambini sono tornati nervosi, o soltanto “strani” dall’asilo? Quante volte avremmo voluto sapere che cosa fosse successo? Sempre con la paura di soprusi e maltrattamenti, amplificati dalla cronaca nazionale che, ormai quasi quotidianamente, ne riporta. E’ questo lo scopo della proposta di legge presentata dall’Onorevole Forzista Gabriella Giammanco, per la prima volta nel 2009, e riattualizzata ad inizio legislatura. La proposta tornerà in aula il 13 ottobre e prevede oltre all’installazione delle telecamere, anche la somministrazione di test attitudinali a educatori e maestri, cosi da poter costruire un quadro psicologico delle persone a cui affidiamo i nostri piccoli.
    La tecnologia – come spiegato dall’On. Giammanco nel corso di una conferenza stampa presso la sala ARS di Catania – consente di installare nelle varie strutture videocamere criptate a circuito chiuso le cui registrazioni saranno visibili solo dalle forze dell’ordine e solo dietro denuncia, attraverso l’abbinamento di due codici numerici custoditi presso un ente certificato. Nessun altro avrà la possibilità di visionare le registrazioni video che, per questa ragione, non comporteranno in alcun modo problemi di violazione di privacy o dello statuto dei lavoratori.
    Si evince chiaramente dalle parole dell’Onorevole che questa proposta non vuole essere una minaccia o un ricatto per i lavoratori, potendosi utilizzare queste riprese solo nelle situazioni ritenute a rischio, con particolare attenzione ai video che ritraggono i bambini. E’ necessario tutelare le persone più deboli, siano essi anziani o disabili, ancor di più i bambini, soprattutto in quei posti che dovrebbero risultare essere un’isola felice. Gli asili sono il primo luogo di confronto, crescita e, conseguentemente, formazione, dove per la prima volta ci si interfaccia al mondo esterno lontani da casa e dalla sicurezza degli affetti familiari. Diventa dunque esigenza vera e propria, in una società sempre più “malata”, sapere come vengono trattate le persone che affidiamo alle cure delle maestre o degli operatori sanitari, che sempre più si rendono protagonisti di situazioni disdicevoli. Non possiamo rischiare, – conclude il giovane – specialmente nel caso dei bambini, che crescano turbati da quanto accadutogli negli anni infantili, dobbiamo proteggere i nostri patrimoni, si è sempre detto, ed il più importante sono i bambini, roseo futuro della nostra società.”