• Home / CITTA / Reggio, una nuova agorà urbana alla foce del Calopinace. Pronto il progetto (FOTO)

    Reggio, una nuova agorà urbana alla foce del Calopinace. Pronto il progetto (FOTO)

    Un nuovo spazio per incrementare il rapporto tra la città è il mare sarà riqualificato a Reggio Calabria alla fine del Lungomare Falcomatà nell’area del Tempietto a ridosso della foce del Torrente Calopinace. Il progetto esecutivo è stato donato dall’università di Reggio all’amministrazione comunale per la riqualificazione architettonica e funzionale delle aree adiacenti al “Centro di ricerca per le energie rinnovabili in ambiente marino”, quel bellissimo edificio in legno costruito dalla stessa università e che è stato realizzato in poco più di un anno di tempo. La sinergia tra Palazzo San Giorgio e Mediterranea è sempre più intensa e adesso punta a realizzare uno spazio pubblico moderno e accogliente che diventi presidio vivo e attivo per tutta la città. La realizzazione dei lavori verrà finanziata con i soldi inclusi nel patto per Reggio Calabria all’interno dell’intervento dal titolo  “Quindici agorà per quindici quartieri”. Lo ha spiegato il sindaco Giuseppe Falcomatà ai giornalisti presenti alla presentazione del progetto tramite illustrazioni grafiche e relazioni tecniche spiegate dai responsabili scientifici del progetto i professori Pasquale Filianoti e Claudio De Capua, il Professore Alessandro Villari, architetto designer che ha concepito la struttura del centro di ricerca ed il progetto per la riqualificazione delle aree adiacenti. Nell’occasione l’Assessore ai Lavori Pubblici Angela Marcianò, il Rettore dell’Università Mediterranea Pasquale Catanoso e il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. Hanno firmato la convenzione tra il Comune di Reggio Calabria e l’Università Mediterranea propedeutica alla realizzazione del progetto. Entrando nei particolari dell’intervento, verrà mantenuta inalterata la vocazione pedonale e ciclabile dell’area, con un belvedere sullo Stretto che sarà un punto nodale della già prevista estensione del lungomare verso sud. Fondamentale la sostenibilità ambientale ed economica, 650 mq di area destinata alla vegetazione con la piantumazione di 15 nuovi alberi. A questi si aggiungeranno arbusti tipici della macchia mediterranea e spazi pavimentati.
    Marina Malara

     

    IMG_0022 IMG_0023 IMG_0025 IMG_0029