• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro – Don Mimmo Battaglia vescovo, Cardamone: ‘Segno di una chiesa vicina alla comunità’

    Catanzaro – Don Mimmo Battaglia vescovo, Cardamone: ‘Segno di una chiesa vicina alla comunità’

    “E’ con grande gioia che ho appreso la notizia della decisione di Papa Francesco di nominare vescovo don Mimmo Battaglia. E’ il segno di una Chiesa davvero vicina alle comunità, che sa ascoltare il dignitoso grido di aiuto di chi vive la sofferenza, che indica come via da seguire quella della misericordia e della ricerca del bene comune. Mancherà molto don Mimmo alla comunità catanzarese, che ha salutato questa giornata con emozione e profonda commozione, agli operatori del Centro Calabrese di Solidarietà, ai tanti ragazzi giunti da ogni angolo delle nostre terre per essere accolti in un abbraccio amorevole e ritrovare quella luce soffocata dalla droga e dalla dipendenza. Evidentemente è giunto il tempo perché il seme piantato con cura e dedizione da don Mimmo continui a dare i suoi frutti di vita grazie al lavoro ormai esperto di chi è sempre stato al suo fianco nella difficile lotta contro il disagio e l’emarginazione. Una realtà drammatica, sanguinante, quasi nascosta nel seno di una città distratta, ma che nel Centro Calabrese di Solidarietà ha trovato una risposta grazie al suo impegno che, con tanta umiltà e altrettanta determinazione, ha saputo coinvolgere tanti in una vera e propria missione, la costruzione di un continuo miracolo di vita e di speranza. A don Mimmo, che si appresta a guidare la diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata dè Goti, dobbiamo tutti rivolgere un enorme ringraziamento. E il modo migliore di farlo è quello di provare a non rendere troppo profondo quel vuoto che la sua partenza lascerà inevitabilmente nella comunità che ha fondato e diretto per tanti anni. La partenza di un sacerdote di così grande carisma non deve consentire che si abbassino le luci e l’attenzione della nostra città verso l’attività di una comunità terapeutica che rappresenta un modello di riferimento nel contrasto alle dipendenze. Un Centro che, come tante realtà che si occupano di sociale in Calabria, vive una situazione di grave difficoltà per i tagli ai trasferimenti che mettono a rischio la sua stessa sopravvivenza. Stare vicini concretamente, le istituzioni e i cittadini, a queste realtà impegnate nell’assistenza agli ultimi, è il migliore modo di accogliere la straordinaria decisione di Papa Francesco di regalare don Mimmo ad altre realtà in cui c’è bisogno del suo amore e della sua guida luminosa”.E’ quanto dichiara il presidente del Consiglio comunale, Ivan Cardamone