• Home / CITTA / Reggio, sabato l’alta moda in passerella di fronte al Museo con Confcommercio

    Reggio, sabato l’alta moda in passerella di fronte al Museo con Confcommercio

    Un magico connubio tra arte, moda, cultura, storia e territorio impreziosirà il prossimo sabato sera, 28 maggio, a Reggio Calabria. La cornice del Museo Nazionale della Magna Grecia ospiterà la passerella dell’alta moda reggina organizzata da Federmoda Confcommercio. Il Gran Galà della Moda, questo il nome dell’evento patrocinato dal Comune e della Provincia di Reggio Calabria e dal Coni Calabria, è stato presentato nel Salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio alla presenza del Sindaco della città Giuseppe Falcomatà, del Presidente della Confcommercio Reggio Calabria Giovanni Santoro, del Presidente di Federmoda Giovani Reggio Calabria Paolo De Stefano, di Enza D’Amico, presidente Federmoda, dell’organizzatore della sfilata Pino Causini, e del presidente di 50&più Fenacom Francesco De Carlo. Con loro anche i rappresentanti del Coni Calabria del CCN (Centro Commerciale Naturale) Magna Grecia e del CCN Piazza De Nava. L’evento punta al rilancio delle imprese locali del territorio reggino e consisterà in un’ elegante e raffinata sfilata di moda con ambizioni che vanno ben aldilà del semplice defilè. Infatti, l’obiettivo è quello di creare un sistema di sinergie territoriali che operano per la realizzazione di eventi utili a dare visibilità alla città, alle imprese e ad un sistema di aggregazione sempre più importante in questa fase di crisi. A tal proposito il Gran Galà non coinvolgerà solo le imprese della moda ma anche fioristi, gioiellieri, acconciatori e istituzioni del territorio capitanate del Coni Regionale e l’Enasco 50&più. Il tutto per creare un momento di moda, cultura, sport. La sfilata coinvolgerà, tra gli altri, i migliori atleti calabresi nell’insolito ruolo di modelli/modelle.

    Grazie alla collaborazione con il Museo Nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria, Palazzo Piacentini farà da sfondo all’alta moda maschile e femminile. Una passerella lunga 20 metri collegherà il Museo con le gradinate di piazza De Nava, il tutto sarà accompagnato da un gioco di luci.

    «E’ un sogno che si realizza dopo tanti anni di lavoro» commenta così il primo evento dell’estate reggina il Presidente della Confcommercio Reggio Calabria, Giovanni Santoro. «Il nostro obiettivo è portare alla ribalta nazionale una Reggio sconosciuta che vanta bellezze a 360° gradi e la riapertura del Museo Nazionale della Magna Grecia segna la rinascita della città – ha spiegato il Presidente Santoro –. Non potevamo scegliere location migliore per la sfilata delle nostre ‘eroiche’ aziende che nulla hanno da invidiare a quelle nazionali. Abbiamo bisogno di un forte segnale di cambiamento per la città, solo unendo le nostre forze possiamo raggiungere l’obiettivo». Sulla stessa lunghezza d’onda Enza D’Amico in rappresentanza di Federmoda Reggio Calabria: «Sarà un onore ospitare in città i vertici di Federmoda Italia per assistere alla rinascita del nostro commercio. Noi ci siamo, ci stiamo mettendo esperienza e professionalità per mandare avanti le nostre aziende, per farlo abbiamo bisogno di lavorare in sinergia con le istituzioni affinchè comprendano al meglio le esigenze del commercio».

    Il direttore artistico del Gran Galà della Moda, Pino Causini ha illustrato alcuni dettagli. «Abbiamo messo in moto un’importante macchina organizzativa per ridare linfa alla città con aziende leader del settore – ha detto Causini -. Grazie alla collaborazione con il Museo Nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria, Palazzo Piacentini farà da sfondo all’alta moda maschile e femminile. Si partirà alle ore 17:00 con il bake stage per poi arrivare alla sfilata che coinvolgerà, tra gli altri, i migliori atleti calabresi nell’insolito ruolo di modelli/modelle». A presentare la serata saranno Marina Malara, Alessandra Giulivo e Alberto Mazzacuva.

    In rappresentanza della direzione del Museo, in conferenza stampa è intervenuto il prof. Giacomo Oliva che ha valorizzato l’iniziativa inserita in un contesto così prestigioso come quello del Museo emblema della cultura reggina e calabrese che deve essere esportata in tutto il mondo ma “questo è possibile, ha detto Oliva,  solo se il calabrese impara a conoscere se stesso ovvero la sua storia  per proiettarsi al futuro. Bisogna riappropriarsi dell’identità culturale e questo evento contribuirà ad un ulteriore lancio della struttura, già molto visitata ma mai abbastanza per quello che vale. Quando si entra nella sala dei Bronzi, ha detto ancora Oliva, si entra nella stanza più importante del mondo visto che i due guerrieri sono uno dei pochissimi esempi in bronzo di un’epoca antichissima. Dobbiamo fare di tutto per valorizzare il Museo ma serve una politica di incoming per offrire qualcosa in più oltre ai Bronzi nel nostro territorio”. Perfettamente d’accordo anche il sindaco Falcomatà che plaude a questo evento che, in questa fase di crisi, lancia un messaggio di ripartenza attraverso l’aggregazione e la condivisione. “Lo abbiamo già visto con le iniziative di Natale, Carnevale e la festa cioccolato. Le aziende reggine avranno un momento importante di presentazione e sarà solo la prima delle manifestazioni che faranno parte dell’estate reggina il cui cartellone verrà presentato tra pochi giorni”. Falcomatà ha poi parlato di Reggio come di un museo a cielo aperto: “siamo seduti su un tesoro e spesso ce lo dimentichiamo. A Piazza Garibaldi non abbiamo trovato solo un reperto ma anche testimonianze di una nuova  storia della città perchè quanto ritrovato testimonia lo spostamento del confine di quelle che fine ad oggi consideravamo le antiche mura di Reggio. Dobbiamo conoscere la nostra storia per offrirla agli altri. L’iniziativa del Gran Galà di Alta Moda dimostra che c’è una Reggio che ha coraggio e si mette in gioco in un periodo di crisi. Tempi migliori arriveranno se ognuno farà la sua parte con la capacita di fare rete con le istituzioni”.