• Home / CITTA / Reggio – Il 28 maggio il convegno ”L’arrivo dei migranti via mare. Assistenza sanitaria e intervento delle organizzazioni umanitarie”

    Reggio – Il 28 maggio il convegno ”L’arrivo dei migranti via mare. Assistenza sanitaria e intervento delle organizzazioni umanitarie”

    “L’arrivo dei migranti via mare. Assistenza sanitaria e intervento delle organizzazioni umanitarie” è il titolo del convegno organizzato da Croce Rossa Italiana e Médecins du Monde, con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, che si terrà il 28 maggio 2016 presso la Galleria di Palazzo San Giorgio (sede del Comune) dalle ore 9:00 alle ore 17:00. Il fenomeno dei flussi migratori è una realtà che oramai da anni interessa le coste del sud Italia e la Calabria è uno dei fronti coinvolti nella gestione degli sbarchi e nell’accoglienza delle persone in fuga da guerre, miseria, assenza di prospettive. L’iniziativa di Croce Rossa Italiana e Médecins du Monde è diretta alla cittadinanza nell’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’accoglienza e rimuovere le paure derivanti da scarsa conoscenza in materia di malattie infettive contagiose, ma anche agli “esperti del settore” che operano agli sbarchi intervenendo dal punto di vista sanitario, della tutela e cura della persona migrante. Il convegno coinvolgerà esperti medici dell’Ufficio di sanità marittima, aerea e di frontiera, dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, della Croce Rossa Italiana e dell’Organizzazione Médecins du Monde. Parteciperanno inoltre rappresentanti delle organizzazioni umanitarie che operano presso il Porto di Reggio Calabria (Alto Commissariato ONU per i Rifugiati, Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, Coordinamento ecclesiale sbarchi). La sala del convegno verrà allestita con contenuti ed immagini della campagna di sensibilizzazione sulla questione delle migrazioni #leparolevalgono recentemente lanciata da Croce Rossa Italiana e Treccani e sarà inoltre ospitata una mostra fotografica sul tema degli sbarchi a cura di Gianluca Chininea.