• Home / CITTA / Reggio – Al PalaCalafiore oltre 3mila spettatori per Aldo, Giovanni e Giacomo
    Aldo, Giovanni, Giacomo show

    Reggio – Al PalaCalafiore oltre 3mila spettatori per Aldo, Giovanni e Giacomo

    di Grazia Candido (foto Antonio Sollazzo) – Oltre tremila spettatori per lo show di Aldo, Giovanni e Giacomo al PalaCalafiore. Lo avevano anticipato prima di salire sul palco e visto che le promesse vanno mantenute, il trio comico accolto con una lunga ovazione, apre la sua festa per i 25 anni di carriera con una gag che segna il percorso di uno spettacolo dove la parola d’ordine è: ridere. Giacomo (all’anagrafe Giacomino Poretti) vedendo alcuni cartelli dei fan dice: “Ce ne sono tanti che vorremmo leggere ma siamo troppo vecchi e non vediamo bene”. Subito Aldo (alias Cataldo Baglio) lo riprende rispondendo: “Fuori dal letto nessuno è perfetto”. Inizia così il live portato in riva allo Stretto dalla Show Net del promoter Ruggero Pegna che incassa un altro successo dimostrando che dove c’è una grande volontà si superano anche le grandi difficoltà. Eccellente come sempre il servizio dell’Agave accoglienza e quello del team di sicurezza dell’Asm che ha messo in atto tutte le misure correttive di prevenzione e buona tecnica atte a ridurre eventuali rischi. Appena si entra al Palazzetto lo spettatore è subito colpito da una scenografia spettacolare. Un grande e coloratissimo Luna Park con scivoli e uscite segrete a forma di elefante e clown, realizzato da Arturo Brachetti che cura anche la regia, dove tre eterni adolescenti tra giostre, ottovolanti e padiglioni delle meraviglie fanno del sano e goliardico caos. Un Luna Park un pò di provincia, un pò Fellini e involontariamente Banksy, in cui le attrazioni sono i loro sketch con i personaggi inverosimili in situazioni paradossali e surrealiste. Al centro, una scenografia mobile che gira su se stessa dando spazio alla big band dei Good Fellas di suonare il loro jazz solare New Orleans dando il tempo ai tre attori di cambiare abiti e sopra degli enormi maxischermi sui quali passano foto private, spezzoni di film, sketch televisivi. Due ore tutte d’un fiato nelle quali si alternano i personaggi più divertenti che hanno fatto la storia della comicità di Aldo, Giovanni e Giacomo accompagnati in questa avventura dalla straordinaria e istrionica Silvana Fallisi. I camaleontici comici recuperano il loro passato e lo portano in scena, compresi quei personaggi che non facevamo da tempo, tipo i gemelli nell’utero materno. I primi sketch arrivano dallo spettacolo “I Corti” del 1995 per poi passare a “I Gemelli” e “La Montagna”, aggiornati con inezie. Poi “Scuola di Polizia” (da “Tel chi el telun”, 1999) con i tre poliziotti Dexter, Tiger e Sugar a ristabilire l’ordine pubblico e ancora il mitico “Pdor” che, a differenza di Sanremo dove era stato criticato, ritrova sul palcoscenico teatrale la sua dirompente forza comica. Nel finale altro pezzo indimenticabile con protagonista il “Dottor Alzehimer” alle prese con un’operazione improbabile. I continui applausi interrompono spesso i comici ma la festa sta per terminare e spetta ad Aldo cantare “My way” gettatosi sul pubblico sul quale vengono “sparati” coriandoli, stelle filanti e palloncini colorati.
    “Abbiamo passato due ore indimenticabili con voi ma lasciateci ringraziare un ospite speciale – urla dal palco Giacomo – Siete voi, il nostro pubblico”.
    Tra gli applausi e una standing ovation meritata Aldo, Giovanni e Giacomo chiudono a Reggio Calabria un tour europeo confermando di essere icone assolute della comicità italiana.

    030A0619

    030A0663

    030A0748

    030A0777

    030A0806

    030A0946

    030A1024

    030A1037