• Home / CITTA / ‘Ndrangheta – In appello pene ridotte per il clan Lo Giudice
    tribunale sentenza

    ‘Ndrangheta – In appello pene ridotte per il clan Lo Giudice

    La Corte d’Appello di Reggio Calabria ha ridotto la sentenza di primo grado emessa contro il clan di ‘ndrangheta Lo Giudice ed ha assolto l’imprenditore Nino Spanò, condannato in primo grado a 6 anni. L’assoluzione ha portato al dissequestro del suo cantiere nautico, fra i principali per il rimessaggio delle barche nel Reggino.

    Il processo si basava sulle dichiarazioni del pentito Nino Lo Giudice, “il Nano” che ha ritrattato tutto.

    Le nuove condanne: 13 anni e 9 mesi per Luciano Lo Giudice (20 anni in primo grado); 10 anni al colonnello Saverio Spadaro Tracuzzi (14 anni e 6 mesi in primo grado); 12 anni e 8 mesi Giuseppe Reliquato e Bruno Stilo (16 anni a testa in primo grado); 12 anni e 4 mesi Antonio Cortese (18 anni in primo grado con l’accusa di essere l’armiere del clan); 9 anni Fortunato Pennestrì (10 anni in primo grado); 11 anni e 6 mesi Salvatore Pennestrì (13 anni in primo grado); 3 anni e 8 mesi Giuseppe Lo Giudice (7 anni e 6 mesi in primo grado); 4 anni all’imprenditore milanese Giuseppe Cricrì (4 anni e 6 mesi in primo grado).