• Home / CITTA / Catanzaro / Ha derubato e picchiato due massaggiatrici nel milanese. Arrestato a Cropani (CZ)

    Ha derubato e picchiato due massaggiatrici nel milanese. Arrestato a Cropani (CZ)

    Lo scorso 16 maggio la Polizia di Stato di Catanzaro ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP di Busto Arsizio a carico di HRISTOV Mariyan, cittadino bulgaro residente a Sersale (CZ), in Italia ormai da anni, tra la Calabria e il nord Italia. Gli uomini della Squadra Mobile di Catanzaro rintracciavano l’HRISTOV a Cropani (CZ), presso l’abitazione del padre e lo arrestavano, conducendolo nel carcere di Siano, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente, davanti alla quale il bulgaro dovrà rispondere del delitto di rapina, commesso ai danni di due donne, di nazionalità cinese, residenti l’una a Busto Arsizio, l’altra a Brescia. Stando alle accuse da cui è investito, l’HRISTOV, a cavallo tra il 19 e il 22 febbraio scorsi, prendeva appuntamento via telefono con le vittime, entrambe massaggiatrici e una volta a casa delle donne, estraeva una pistola ed esibiva un tesserino tramite cui si spacciava come un appartenente alle Forze dell’Ordine. Alla reazione delle donne il bulgaro reagiva allo stesso modo, picchiandole. La prima vittima a cadere preda dell’HRISTOV, immobilizzata dalla violenza dell’uomo, veniva spogliata del denaro contante che aveva con sé e del telefono cellulare, alla seconda l’uomo risparmiava la privazione dei suoi averi perché, pur riducendola in condizioni di non nuocere prendendola a botte, l’HRISTOV si allontanava da casa sua senza portare via niente. Le Forze dell’Ordine davano seguito alla denuncia delle donne perquisendo il domicilio dell’HRISTOV e lì rinvenivano una pistola giocattolo e una placca dell’Associazione Nazionale Carabinieri, il che rispondeva a quanto le donne avevano denunciato.
    In ragione degli indizi di responsabilità emersi nell’inchiesta, condotta dal Commissariato di Busto Arsizio, sotto le direttive della Procura della repubblica del luogo, il GIP di Busto Arsizio decideva per la misura cautelare della custodia in carcere e l’HRISTOV veniva rintracciato a Cropani dalla Squadra Mobile del Capoluogo, che lo portava in carcere.