• Home / CITTA / Vicenda concorso Pronto Soccorso, le precisazioni del legale del Dott. Moschella
    Ospedali-Riuniti-reggio-calabria-320x240

    Vicenda concorso Pronto Soccorso, le precisazioni del legale del Dott. Moschella

    Riceviamo e pubblichiamo la richiesta di rettifica articolo del 7.4.2016 relativo al concorso per la nomina del Direttore dell’UOC Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza dell’Azienda Ospedaliera di Reggio di Calabria da parte del legale del Dott. Francesco Moschella, Avv. Massimo Pedone:

    Nell’interesse del Dott. Francesco Moschella ed in relazione a quanto in oggetto, invio la presente per significare quanto segue. In data 7 u.s. nelle pagine di cronaca relative alla città di Reggio di Calabria, è stato pubblicato, a firma di Marina Malara, un articolo che, con enfatica quanto travisante intestazione del seguente tenore “Reggio, crolla l’ipotesi di irregolarità nel concorso per il Pronto Soccorso. Il Tar rigetta il ricorso di Moschella”, evidenzia in maniera assolutamente impropria ed evidentemente strumentale che “ … cominciano a cadere e a sgretolarsi le ipotesi di presunte irregolarità in merito al concorso espletato dall’Azienda Ospedaliera  di Reggio Calabria per l’incarico quinquennale di Direttore dell’UOC Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza, cosiddetto Pronto Soccorso …” e ciò sul presupposto che “ … il ricorso presentato al Tar dal Dott. Francesco Moschella contro l’Azienda reggina è stato respinto dallo stesso Tar in quanto non pare connotato da profili di evidente fondatezza come recita testualmente l’ordinanza firmata dai giudici del tribunale amministrativo, nella quale è anche specificato che la motivazione del ricorso difetta una situazione qualificata di periculum, in quanto Moschella non avrebbe dedotto un danno grave e irreparabile che possa derivare dall’esecuzione dell’atto impugnato …”. L’estensore del detto articolo, se pure ha correttamente riportato le motivazione dell’ordinanza resa dal locale TAR, ha completante omesso di fare presente che trattasi di un provvedimento reso in fase cautelare, che nulla ha a che vedere con la decisione definitiva e di merito del ricorso, da prendersi in esito all’esame completo della documentazione depositata, dei motivi aggiunti che verranno svolti sui verbali redatti dalla commissione esaminatrice ed all’espletamento di attività istruttoria articolata al fine di fare constare le lamentate irregolarità procedurali della procedura concorsuale. Pertanto, per non travisare la realtà dei fatti e nel legittimo esercizio del diritto di cronaca, sarebbe stato corretto evidenziare che il TAR, con la ordinanza del 7 u.s., ha semplicemente ed unicamente respinta la proposta domanda cautelare e non già il ricorso, la cui decisione nel merito deve ancora essere assunta. Quanto sopra premesso e, altresì, ritenuto che sulle vicende relative al concorso per la nomina del Direttore dell’UOC Medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza dell’Azienda Ospedaliera di Reggio di Calabria sono in corso indagini da parte della locale Procura della Repubblica, si chiede la pubblicazione della presente missiva al fine di rettificare una informazione redatta in maniera assolutamente suggestiva e non conforme al reale accadimento dei fatti ed al contenuto del provvedimento giudiziario citato.

    Distinti saluti Avv. Massimo Pedone

     

    Reggio, crolla l’ipotesi di irregolarità nel concorso per il Pronto Soccorso. Il Tar rigetta il ricorso di Moschella