• Home / CITTA / Reggio – UILPA Vigili del Fuoco chiede incontro al Prefetto e Falcomatà

    Reggio – UILPA Vigili del Fuoco chiede incontro al Prefetto e Falcomatà

    Si inasprisce la battaglia tra la UILPA dei Vigili del Fuoco della provincia di Reggio Calabria, a causa della mancata conciliazione derivata dallo stato di agitazione proclamato lo scorso 15 Marzo. Stante le valide argomentazioni, l’amministrazione centrale non
    ha elargito esaurienti risposte alla delegazione sindacale rappresentata da tutti i segretari provinciali della Calabria e dal
    segretario regionale calabrese della UILPA VVF, che non hanno inteso conciliare proprio a causa della totale assenza di certezze sulle criticità esposte e più volte evidenziate. Continua quindi la lotta per l’attivazione delle sedi distaccate
    calabresi come quella di Monasterace, già ampiamente argomentata che, grazie alle iniziative fino ad adesso intraprese dalla UILPA VVF, sta volgendo al termine con un ennesimo trionfo, derivante dall’ottenimento dell’autorizzazione per la sua apertura a carattere stagionale. Continua anche la lotta per il riconoscimento degli emolumenti spettanti e per i quali l’amministrazione è latitante da oltre otto mesi, che comporterà, a causa del crescente malumore dei lavoratori, il rischio di assenza degli stessi, dalla prossima campagna A.I.B.2016, con gravi ripercussioni su tutto il territorio calabrese. Nei giorni scorsi, i componenti della segreteria di Reggio Calabria, assieme al segretario UILPA VVF Calabria, hanno incontrato l’On. Federica Dieni del Movimento 5 stelle, che ha ascoltato con attenzione tutte le argomentazioni esposte, garantendo un energico intervento presso il prossimo consiglio dei Ministri, con apposite interrogazioni parlamentari. Nei prossimi giorni, a completamento di tutte le iniziative fino
    ad adesso intraprese, la UILPA dei Vigili del Fuoco in sinergia con la UILPA Territoriale guidata da Patrizia Foti, chiederanno un incontro al Sig. Prefetto di Reggio Calabria ed al Sindaco Falcomatà, al fine di esporre tutte le incertezze e criticità
    inerenti la sicurezza ed incombenti su tutto il territorio reggino, per far si che la Calabria non diventi ultima anche in termini di
    sicurezza.