• Home / CITTA / Catanzaro / Lamezia (CZ) – Gianturco: “Sgomberare subito il bivacco immigrati in via Perugini”

    Lamezia (CZ) – Gianturco: “Sgomberare subito il bivacco immigrati in via Perugini”

    “Il bivacco d’immigrati che da diversi giorni sostano in via Perugini sta creando tanto disagio ai cittadini e va immediatamente sgomberato”. Queste le dure parole del consigliere comunale Mimmo Gianturco, leader di Sovranità – Prima gli italiani.

     

    “E’ inconcepibile che la città sia costantemente ostaggio di gruppi d’immigrati clandestini – afferma Gianturco – fomentati da alcuni sindacati e da esponenti politici vicini all’estrema sinistra. La maggior parte degli immigrati in protesta che bloccano addirittura le vie di accesso al Commissariato di Polizia, proviene da nazioni in cui non vi è alcuna guerra, ad altri addirittura la commissione territoriale preposta ha negato più volte il permesso di soggiorno”.

     

    “E’ bene ricordare – continua il consigliere comunale – che dietro l’accoglienza si nasconde un vero e proprio business, così com’è emerso dall’inchiesta ‘Mafia Capitale’, dove i responsabili di alcune cooperative hanno affermato che con la gestione dei centri di accoglienza, si guadagna di più dello spaccio della droga. Addirittura ci sono alcuni avvocati che lucrano su questo sistema, tentano ricorsi inutili solo per incassare il gratuito patrocinio e/o per far ritardare l’approvazione o meno dell’asilo politico, affinché gli immigrati rimangano nei diversi centri per lungo tempo in modo tale da far guadagnare maggiormente le cooperative. Bisogna avere il coraggio di dire basta con queste speculazioni”.

     

    “Assordante il silenzio dell’amministrazione comunale – conclude Mimmo Gianturco – che fa subire ai cittadini il disagio senza prendere nessuna posizione in merito. E’ anche per questo modo di fare che in città cresce la rabbia e l’attrito sociale. Invito il Prefetto a intervenire affinché in via Perugini si ritorni alla normalità, prima che gruppi di cittadini reagiscano in modo autonomo e forte”.