• Home / CITTA / Catanzaro / Movimento Civico Catanzaro Marina: ”Ex mercato coperto: sia ristrutturato anche attraverso il bando relativo al riuso commerciale”

    Movimento Civico Catanzaro Marina: ”Ex mercato coperto: sia ristrutturato anche attraverso il bando relativo al riuso commerciale”

    Sulla riqualificazione e destinazione dell’ex mercato coperto di Marina, abbiamo letto con attenzione la nota stampa del Consigliere Celi, nonché le considerazioni svolte dal consigliere Riccio. Più volte abbiamo scritto sull’argomento in questi anni ed anche oggi alcune considerazioni sono d’obbligo. Così il Movimento Civico Catanzaro Marina. Da sempre siamo stati contrari all’abbattimento tout court, spiegandone i motivi, dell’ex Mercato Coperto, al contrario di coloro che negli scorsi anni avevano affermato, perorandone la distruzione e con essa una parte della storia di Marina, per far posto, il tutto si badi bene senza nemmeno che su tale progetto si esprimesse democraticamente la popolazione di Marina (come all’epoca per l’aiuola ribattezzata dalla popolazione “pipitone – tagadà”, poi ridotta nelle dimensioni su pressioni dei cittadini di Piazza A. Garibaldi), ad un progetto virtuale di una piazza stretta, chiusa e anonima dato il luogo a ridosso della Ferrovia in quello spazio e con scarse possibilità di sfruttamento per eventi, per ovvi motivi di sicurezza, nonché a dei parcheggi. Tra i consiglieri comunali “demolitori” convinti e favorevoli alle “ruspe ed al radere al suolo” l’immobile, se la memoria non ci inganna vi erano i consiglieri, Nisticò e Riccio. Quest’ultimo oggi, evidentemente folgorato sulla via di Damasco, con una virata di 360 gradi ha cambiato idea, abbandonando le vesti ed i panni del demolitore “del rudere” come dallo stesso definito nei suoi articoli del Giugno 2013, sposando, invece appieno l’idea dell’Assessore Mancuso e della riqualificazione dell’immobile, oggi definito sempre dallo stesso Riccio, possibile “fiore all’occhiello” della città e dando quindi implicitamente ragione alle tesi del nostro movimento. Non possiamo che prenderne atto. Entrando nello specifico, dobbiamo ricordare che purtroppo il finanziamento di ben 1.200.000 euro, progettualità di natura sociale ed al servizio dei cittadini, che affondava le sue radici nel piano Urban e che ci vedeva favorevoli, per la ristrutturazione dell’immobile, è stato ormai perso dalle “disattente” amministrazioni che si sono succedute (così come quello di 1.000.000 euro, per la “congiunzione”, altezza Fiumarella dei due lungomari (Casciolino e Marina Centro). Atteso che il piatto piange, e dato che più volte, abbiamo spronato il Comune di Catanzaro a recuperare nei vari settori, risorse che possano migliorare la città e la vita dei cittadini ed atteso che dobbiamo guardare in faccia la realtà, bene ha fatto l’assessore al Patrimonio Filippo Mancuso, a promuovere con apposito bando il riuso dell’immobile e spazi di pertinenza inutilizzati al fine di attivare iniziative e progetti di sviluppo e promuovere l’imprenditoria, anche giovanile nei settori tradizionali e innovativi, al fine di rivitalizzare il tessuto sociale ed economico della città nell’attuale congiuntura economica sfavorevole. Ben venga quindi l’assegnazione dell’immobile comunale ex Mercato Coperto, per avviare nuove attività economiche e commerciali, mediante il recupero e la riqualificazione dei locali con interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonchè di adeguamento funzionale e strutturale da eseguirsi a cura dei soggetti assegnatari del bene. Ben venga il raggiungimento dell’obiettivo del bando, ovvero la creazione di opportunità occupazionali. Ben venga “la rinascita” del Mercato Coperto. Ricordiamo poi, che più volte, siamo intervenuti sulla necessità di offrire, come ha richiamato il consigliere Celi, alla cittadinanza degli spazi pubblici coperti di aggregazione giovanile e di partecipazione culturale, dove esprimere le proprie capacità musicali, teatrali, nonché spazi di intrattenimento e di incontro e lo avevamo individuato nell’area Gaslini, dove sta sorgendo un ”piccolo” parco, che però non avrà nulla di tutto questo. Peraltro il progetto, che prevedeva di trasformare la grande area industriale dismessa, in centro studi e servizi culturali, prevedendo sale espositive, sale conferenze, sala cinema ed un’ampia e funzionale biblioteca, offerto gratuitamente al Movimento dal valente Arch. Rocco Giorno (figlio del compianto Prof. Giorno Armando) era stato regolarmente da noi consegnato nella (breve) legislatura Traversa all’ex Assessore ai LL.PP. Calabretta Giuseppe.

    Movimento Civico Catanzaro Marina