• Home / CITTA / A Morano il 19 e 20 marzo prossimi le “Giornate di Primavera” del FAI

    A Morano il 19 e 20 marzo prossimi le “Giornate di Primavera” del FAI

    Calabro, hanno presentato ieri in una seguitissima conferenza stampa le “Giornate di Primavera”, che sabato e domenica 19 e 20 marzo prossimi vedranno il vetusto borgo del Pollino protagonista di un evento tra i più attesi nel panorama culturale italiano.

     

    Ne hanno discusso, con il coordinamento del giornalista Pino Rimolo, e declinato l’argomento in tutti i suoi aspetti: il sindaco di Morano, Nicolò De Bartolo, il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, l’assessore alla Cultura Emilia Zicari, il Capodelegazione del FAI Pollino, Donatella Laudadio, i suoi strettissimi collaboratori, Gianluigi Trombetti e Mimmo Sancineto (settore Cultura), Franco Caruso (Ambiente), Mario Alvaro (addetto stampa FAI Pollino), Lucilla Aprile (Scuole).

     

    La kermesse, giunta alla 24ma edizione, coinvolge quest’anno 380 località, sparse in tutte le regioni d’Italia, e prevede un pacchetto di eventi ingemmato da oltre 900 visite straordinarie. In particolare saranno fruibili: 270 luoghi di culto, 250 palazzi e ville, 30 borghi e quartieri, 60 castelli e torri, 2 musei di rilevanza internazionale e 80 piccoli musei, archivi e biblioteche. Ma anche aree archeologiche, villaggi industriali, percorsi naturalistici, giardini, escursioni speciali in bicicletta e itinerari culturali.

     

    Studenti provenienti da diversi istituti scolastici, nelle vesti di provetti Ciceroni, perseguendo l’obiettivo della valorizzazione, promozione, tutela, scoperta e conoscenza del vasto patrimonio culturale del posto, accompagneranno ospiti e visitatori alla scoperta della chiesa dei S.S. Apostoli Pietro e Paolo, ricchissima di opere d’arte di assoluto prestigio, del Castello Normanno/Svevo, divenuto polo di attrazione di primaria importanza, del museo naturalistico “Il Nibbio”, della chiesa dell’Annunziata. Ma la passeggiata riguarderà anche il centro storico e le composite emergenze architettoniche, culturali e museali che lo caratterizzano.

     

    Soddisfazione ha espresso il Sindaco di Morano, Nicolò De Bartolo. «E’ l’ennesima dimostrazione – ha dichiarato il Primo Cittadino – di come e quanto la mia Amministrazione stia lavorando e sia sensibile alle sollecitazioni che arrivano dal mondo associazionistico. Puntiamo sullo sviluppo turistico di Morano e ci impegniamo quotidianamente a creare le condizioni affinché ciò divenga valore aggiunto per l’intera comunità e sia foriero di crescita sociale ed economica. Lo facciamo curando una fitta rete di relazioni istituzionali e con i gruppi del comprensorio. Ringrazio la delegazione FAI Pollino per aver scelto il nostro splendido borgo per le Giornate di Primavera 2016. Ma ringrazio anche l’On. Domenico Pappaterra per la grande attenzione che mostra verso le comunità del Parco; le aggregazioni che cooperano alla riuscita dell’evento; quanti hanno impreziosito con la loro qualificata presenza questo interessante appuntamento propedeutico. Colgo l’occasione per annunciare che a fine giugno Morano sarà sede di una ulteriore iniziativa nazionale, La notte romantica dei borghi più belli d’Italia, e in luglio della Festa della Bandiera. A tutti l’invito di venire a scoprire le nostre bellezze».