• Home / CITTA / Catanzaro / Extracomunitari si incatenano per protestare contro operatori Sprar nel catanzarese
    Protesta Sprar Isca sullo Ionio

    Extracomunitari si incatenano per protestare contro operatori Sprar nel catanzarese

    È stata pacifica la protesta che questa mattina ha coinvolto 18 extracomunitari di Isca superiore, in provincia di Catanzaro, che si sono incatenati davanti all’ex scuola elementare oggi sede del centro Sprar dove risiedono. Il motivo della manifestazione è legato ad un trattamento sanitario obbligatorio effettuato nei nei giorni scorsi nei confronti di un loro coinquilino. Secondo gli extracomunitari il giovane, affetto da problemi psichici, non avrebbe bisogno di cure mediche: “Non è vero che sta male – hanno detto nel corso della protesta – sono gli operatori dello Sprar che non capiscono nulla”.
    Per sedare la protesta, che non ha creato problemi di ordine pubblico, sono intervenuti i carabinieri della locale stazione che sono riusciti a far rientrare quasi subito nel centro gli extracomunitari, i quali hanno chiesto un incontro con le autorità e la prefettura di Catanzaro.

    Clara Varano

    Protesta Sprar Isca sullo Ionio