• Home / CITTA / Reggio – Tirocini per Amministratore Giudiziario di Beni Sequestrati e Confiscati
    Convenzione Università-Tribunale

    Reggio – Tirocini per Amministratore Giudiziario di Beni Sequestrati e Confiscati

    di Grazia Candido – Dalla sinergia di due grandi istituti del territorio nasce un’importante opportunità di formazione per 35 tirocinanti. E’ stata firmata questa mattina, la convenzione tra l’Università per Stranieri “Dante Alighieri” e il Tribunale di Reggio Calabria per i tirocini di Amministratore Giudiziario di Beni Sequestrati e Confiscati. Nell’aula “Reale” dell’ateneo ad offrire tutti i dettagli del progetto di formazione ed orientamento, il rettore Salvatore Berlingò e il Presidente del Tribunale di Reggio Calabria Luciano Gerardis. L’iniziativa rientra nell’ambito dell’offerta formativa in corso del Master Universitario di Secondo Livello in “Procedure e Tecniche delle Gestioni Giudiziarie e dei Beni Confiscati alla Criminalità” (MaCrAssets), erogata dall’Università per Stranieri “Dante Alighieri” con il supporto amministrativo – gestionale del MEDAlics (Centro di Ricerca per le Relazioni Mediterranee) e in partnership con l’Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria, l’Anbsc (Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata), “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, “Avviso Pubblico. Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie”.
    protocollo Università-Tribunale
    “L’Università per Stranieri vuole sempre imprimere alle sue iniziative un orientamento vitale con il territorio e con le esigenze che emergono da questo – afferma il Rettore Berlingò – Reggio Calabria è sede dell’Agenzia dei Beni Confiscati ed era importante che un’istituzione formativa si impegnasse alla formazione degli operatori da destinare a questo settore, li formasse in maniera specialistica anche dotandoli di quelle esperienze che, solo attraverso il contatto con gli uffici che si occupano di queste procedure, devono avere. La formazione che avranno questi allievi sarà fondamentale per avere una più sicura prospettiva di collocazione nel mondo del lavoro”.
    Una prospettiva che renderà ora protagonisti 35 corsisti ma per il futuro, in base alle esigenze del Tribunale, non è detto che non ci sarà una nuova convenzione che consentirà ad altri tirocinanti di completare la propria formazione. Parola del rettore Berlingò che mette anche in evidenza le seconda edizione del Master MaCrAssets, in programmazione per il mese di ottobre, e che “ha rappresentato una sfida ambiziosa – viste le tematiche delicate e il costante aumento, registrato negli ultimi anni, del numero delle procedure relative alle misure di prevenzione, di confisca e di riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità che, con il passare dei mesi, si è rivelata vincente”.
    I corsisti dello stage/tirocinio affiancheranno nella gestione di procedure preventive, magistrati e amministratori giudiziari con un duplice scopo: “da una parte, – spiega il presidente del Tribunale Gerardis – potranno acquisire e rafforzare le proprie competenze pratiche e specialistiche e, dall’altra, si amplierà il circuito di amministratori giudiziari con esperienza favorendo l’alternanza degli stessi, allo scopo di ottimizzare la reimmissione nel circuito economico, sociale e istituzionale dei beni immobili e produttivi confiscati e sequestrati alla criminalità organizzata. Gli stagisti aiuteranno quei settori che, purtroppo oggi, avrebbero bisogno di più risorse umane stabili”.