• Home / CITTA / Reggio – 30 anni di carcere a Stilo e Pennestrì per l’omicidio di Angela Costantino

    Reggio – 30 anni di carcere a Stilo e Pennestrì per l’omicidio di Angela Costantino

    Anche in appello Bruno Stilo e Fortunato Pennestrì sono stati condannati a 30 anni di carcere ciascuno per l’omicidio di Angela Costantino. Lo ha la Corte d’ Assise d’appello di Reggio Calabria , Lucisano presidente Crucitti a latere, che ha accolto quindi quanto richiesto il 12 gennaio scorso dal sostituto procuratore generale Giuseppe Adornato, impegnato a sostenere l’accusa nel processo di secondo grado relativo all’omicidio della donna fatta scomparire il 16 marzo del 1994. Sposando le risultanze investigative sostenute già nel processo di primo grado, il pg Adornato aveva ribadito che la causale dell’omicidio era di chiara matrice mafiosa.

    Per l’accusa, così come per il gup che comminò le condanne, la donna, fu uccisa perché aveva osato tradire il marito detenuto. Una relazione extraconiugale che la Costantino, moglie del boss Pietro Lo Giudice, ha pagato con la vita. Pennestrì sarebbe stato l’esecutore materiale del delitto mentre Stilo, il mandante. Nelle scorse udienze il collegio dei difensori composto dai legali Giovanna Araniti, Antonio Tarsitani e Renato Russo avevano chiesto appunto la riapertura del dibattimento. Richieste non accolte però dalla Corte. Tra queste spiccava quella di risentire il pentito Maurizio Lo Giudice, cognato della Costantino, che infatti nel 1999 quando deciderà di collaborare con la giustizia racconterà agli inquirenti della scomparsa della donna, parlando, fin da subito, di una possibile eliminazione da parte della consorteria. Sarà proprio lui a dire ai magistrati che dietro la sparizione della cognata poteva esserci ,in ordine al movente, la possibile relazione extraconiugale con un giovane, Pietro Calabrese, e soprattutto ad indicare come responsabili i due imputati. A fornire un contributo importate sono state anche le dichiarazioni dei collaboratori Paolo Iannò e Domenico Cera. Tra novanta giorni la Corte d’Assise d’Appello depositerà le motivazioni della sentenza di secondo grado.  (an.pa)