• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro – Nuovo avviso pubblico per l’assistenza domiciliare integrata

    Catanzaro – Nuovo avviso pubblico per l’assistenza domiciliare integrata

    Il dirigente del settore politiche sociali, Antonino Ferraiolo, ha reso noto che “a seguito delle modifiche concordate nel corso della conferenza dei Sindaci degli Ambiti Sociali di Catanzaro e Catanzaro Lido, tenutasi lo scorso  28 gennaio, è stato pubblicato sul sito del Comune all’indirizzo  www.comunecatanzaro.it, il nuovo avviso pubblico rivolto ai disabili ed agli anziani ultrasessantacinquenni in condizione di non autosufficienza, residenti o domiciliati in Catanzaro e nei comuni facenti parte degli Ambiti, per la presentazione delle domande di assistenza domiciliare  il cui termine è stato fissato per le  ore 12 del prossimo 5 marzo. Questo nuovo avviso annulla e sostituisce, dunque, il precedente  bando che fissava la scadenza al 20 febbraio”. CLICCA QUI

    Palazzo De Nobili è il capofila dei due ambiti territoriali sociali dell’Asp (Nord e Sud) che comprendono altri trenta centri della Provincia e  sono pronti a  offrire, agli aventi diritto, le prestazioni di assistenza domiciliare socio-assistenziale e socio-sanitaria integrate (Adi o Cdi) in favore dei disabili e delle persone anziane non autosufficienti. Il progetto prevede inoltre l’erogazione delle  prestazioni di assistenza domiciliare socio-assistenziale per anziani non autosufficienti che non rientrano nei regimi di Cdi o Adi.

    Nello specifico, l’avviso pubblicato on line regola i requisiti specifici di accesso ai servizi di assistenza domiciliare integrata finanziata con i fondi del Piano di azione e coesione (Pac) per i servizi di cura agli anziani e dal Fondo nazionale per la non autosufficienza, per i quali è stato sottoscritto, proprio al Comune di Catanzaro, un protocollo d’intesa nello scorso mese di ottobre.

    Con il bando è prevista la copertura, attraverso il Fondo nazionale per la non autosufficienza, di 166 posti complessivi (in tutti e  due i distretti) per le prestazioni Adi o Cdi , mentre con i fondi Pac saranno garantite altre 52 prestazioni assistenziali per anziani del distretto Nord e 26 del distretto Sud.

    Per l’assistenza domiciliare non in Cdi o Adi i fondi Pac consentono di garantire 81 prestazioni nel distretto Nord e 51 in quello Sud.

    Per partecipare all’avviso pubblico bisogna presentare al Comune di residenza l’istanza compilata utilizzando l’apposito modello disponibile negli uffici del proprio municipio o sul sito del comune Capoluogo di regione e sui siti degli altri Comuni inseriti nei due ambiti territoriali. All’istanza va allegata  la certificazione sanitaria rilasciata dal proprio medico di medicina generale e le copie dei verbali di accertamento dell’handicap o dell’invalidità civile, oltre all’attestazione Isee del nucleo familiare.  La domanda deve essere sottoscritta dal diretto interessato o da un genitore o da un tutore nel caso di minore età o incapacità di agire (in allegato richiesta copia del documento di identità). La scadenza per la presentazione delle domande è fissata  entro 20 giorni dalla data di pubblicazione sul sito o sull’albo pretorio dei Comuni che fanno parte dei due ambiti.

    “Con la pubblicazione dell’avviso pubblico – ha affermato il presidente della commissione politiche sociali  Lostumbo – Catanzaro e gli altri trenta Comuni dei due ambiti territoriali compiono un passo concreto in direzione degli aiuti alle fasce più deboli della popolazione e, come in questo caso, delle persone affette di disabilità o anziani non autosufficienti. Per la predisposizione e la stesura dell’avviso, ma soprattutto dei servizi di assistenza che verranno erogati – ha aggiunto il consigliere  – il lavoro di squadra fra i diversi Municipi, le associazioni e il personale dell’assessorato politiche sociali diretto da Antonino Ferraiolo. Un ringraziamento particolare devo indirizzarlo all’assessore Gabriella Celestino, che si è spesa senza sosta per consentire il raggiungimento di questo fondamentale risultato nel settore sociale”.